Retromarcia Mourinho «Torres? Voglio più gol ma il suo futuro è qui»

MOURINHO

Okay, il Liverpool è in testa e intravede la possibilità di tornare a vincere il titolo dopo 24 anni, il Manchester City è secondo e può scavalcare i Reds dovendo recuperare due gare, lo United ha compiuto l’impresa di fermare il Bayern, ma Londra resta protagonista. Mourinho, Wenger, il progetto-stadio del Tottenham: vuoi mettere?

Mou José Mourinho ha vissuto la peggior settimana della sua seconda avventura al Chelsea. Il k.o. sul campo del Crystal Palace ha fatto scivolare i Blues al terzo posto, compromettendo la corsa in Premier. L’1-3 incassato a Parigi rende invece problematico il passaggio alle semifinali di Champions, ma il tecnico parte da qui, azzerando le chiacchiere sui piani di mercato: «Non è il momento di parlare di queste cose. In Champions non ci sentiamo fuori e in Premier lotteremo fino all’ultimo secondo». Oggi lo Stoke, martedì il Psg: quattro giorni per rianimare i Blues. Mou confida nel popolo dello Stamford e l’assenza di Ibrahimovic è un vantaggio in più. Il portoghese, duro con la squadra dopo le due sconfitte, fa un passo indietro: «Non sono stato troppo severo. Ho solo analizzato le prestazioni». Ecco anche una carezza a Torres, simbolo dei problemi dei Blues e il primo dei cedibili: «Torres ha un futuro nel Chelsea. Si allena e conduce una vita da professionista. Vorremmo più gol da Fernando, ma non posso lamentarmi di lui». Oggi, contro lo Stoke, Torres sarà titolare: Eto’o è ancora infortunato.

Wenger L’Arsenal rischia grosso domani sul campo dell’Everton: una sfida che vale il quarto posto. Wenger non è più solido come un tempo: un sondaggio compiuto su un campione di 8.100 tifosi dimostra che la metà non vorrebbe più averlo alla guida dei Gunners. Quarto posto ed eventuale vittoria in Coppa d’Inghilterra saranno decisivi per il francese.

Progetti Il Tottenham si è lanciato nel progetto del nuovo stadio da 56 mila posti. Il vecchio White Hart Lane sarà abbattuto e ricostruito. L’impianto dovrebbe essere pronto per il 2017, ma per una stagione gli Spurs saranno nomadi: potrebbero giocare a Milton Keynes.

LA GAZZETTA DELLO SPORT