Renzi, “si’ a Junker” Si tratta su flessibilita’ e nomi

MATTEO RENZI

 La partita delle nomine europee e’ cominciata ma richiedera’ dei ‘tempi supplementari’. E qualche ora supplementare servira’ anche per la messa a punto definitiva del documento Van Rompuy, il testo che, con i contributi dei diversi Paesi, il mediatore belga. La discussione sull’agenda strategica dell’Unione europea per i prossimi anni “continuera’ domani al Consiglio europeo a Bruxelles” ha fatto sapere, dopo che la cena dei leader e’ terminata con un po’ di anticipo, complici alcuni chiarimenti chiesti sul tema della flessibilita’, in primis dal premier italiano. Del resto Renzi lo aveva detto chiaro e tondo prima di entrare alla riunione: “Si’ a Junker”, “ma solo a fronte di un documento che indichi con chiarezza dove vuole andare l’Europa”. “Non c’e’ una posizione dell’Italia contro gli altri – aveva spiegato – c’e’ una posizione di chi dice occupiamoci di crescita e delle famiglie”. Ma il diavolo, si sa sta nei dettagli e, nonostante le rassicurazioni su una apertura sulla flessibilita’, alla fine, al momento di stringere, tra il premier e Angela Merkel c’e’ stato qualche momento di frizione.
  Motivo del contendere la possibilita’ di inserire o meno il cofinanziamento dei fondi Ue e il pagamento della Pubblica amministrazione nel Patto di stabilita’ e quindi, i criteri precisi della flessibilita’ stessa. In un clima tornato cordiale, Renzi e Merkel, insieme agli altri leader, hanno deciso di far lavorare gli sherpa per tutta la notte per fissare in modo dettagliato il rapporto tra flessibilita’ e riforme. Quanto alle nomine, pare che, al di la’ del nome di Junker, su cui prosegue il braccio di ferro solitario di David Cameron, domani non si possa andare e che potrebbe servire un nuovo vertice straordinario a meta’ luglio per decidere il pacchetto completo. Un pacchetto che fonti del Ppe vogliono equilibrato tra le diverse famiglie europee. “Mi sembra che siamo tutti d’accordo sul fatto che alcuni incarichi andranno al Ppe, a partire dalla Presidenza della Commissione, altri andranno al Pse” aveva convenuto Renzi nel pomeriggio.
  Per aggirare il niet di Cameron, nei giorni scorsi era stata ventilata l’ipotesi di proporre alla presidente danese Helle Thorning-Schmidt, imparentata con l’ex leader del labour Neil Kinnock, la presidenza del consiglio europeo. Una ipotesi che la diretta interessata lascia cadere prima di entrare nel centro congressi che ospita il prevertice socialista: “Io non sono candidata, sono il premier della Danimarca, un Paese bellissimo, e in questo momento sono concentrata sul nostro lavoro, nel vincere le elezioni e nel governare il partito”.
  Anche per questo, e per un equilibrio tra Pse e ppe, si stava pensando al premier olandese Mark Rutte. Legata a questa partita, c’e’ quella per fare eleggere Federica Mogherini Mrs.
  Pesc, l’alto rappresentante della Politica Estera e di Sicurezza Comune. Una partita che oggi si complica anche per le mire che il Ppe ha su quella delega, ma soprattutto per l’ipotesi, che circola in queste ore, che quello di Enrico Letta torni ad essere un nome ‘caldo’ per la Presidenza del Consiglio. Una delle cancellerie piu’ favorevoli, in questo senso, sarebbe proprio Londra. La nomina dell’ex premier complicherebbe non di poco il tentativo di Renzi per portare Mogherini agli Esteri, e questo perche’ andrebbe ad esaurire i posti riservati al Pse e quelli all’Italia. Per tutte queste ragioni, e’ probabile che i capi di Stato europei si torneranno a rivedere tra due settimane per i ‘supplementari’ della partita.

AGI