Renzi scrive a Squinzi: per il ciclo economico segni solidi di svolta

MATTEO RENZI 4

A poche ore dall’assemblea di Confindustria, in programma domani all’Expo di Milano, il premier scrive al leader degli industriali, Giorgio Squinzi, sollecitando uno sforzo comune per consolidare la ripresa. «Stiamo finalmente vedendo i segni solidi di una svolta del ciclo economico, con le esportazioni che si rafforzano e con la domanda interna che sta recuperando», spiega Renzi. Per questo «dobbiamo ritrovare slancio e fiducia e guardare al futuro» con ottimismo, ma soprattutto «continuando a lavorare, insieme, uniti, per il bene del nostro Paese e per un’Europa che anch’essa rimetta finalmente al centro gli obiettivi di rilancio dello sviluppo, della manifattura e dell’economia reale».

Il «paradigma condiviso» della centralità del manifatturiero
In un altro passaggio, il premier sottolinea come le imprese abbiano messo al centro della loro attività «il recupero della centralità del manifatturiero nella nostra economia». Un «paradigma», questo, «che il governo condivide pienamente e su cui – si legge nella missiva – sta concentrando il suo impegno con riforme e misure che puntano a rafforzare la competitività del nostro sistema industriale». Tra le riforme citate da Renzi quelle sul mercato del lavoro, giustizia, burocrazia e fisco; poi il rilancio degli investimenti con la nuova legge Sabatini, il supporto all’edilizia e alla casa con gli incentivi alle ristrutturazioni, il bonus mobili e, infine, il sostegno all’internazionalizzazione con il piano per il made in Italy.

L’impegno del governo per il rilancio del Mezzogiorno
«Come da tempo ti ho anticipato in questi giorni sono impegnato in un lungo viaggio nelle regioni italiane», scrive ancora Renzi che domani non parteciperà all’assise dell’associazione per la concomitante visita allo stabilimento FCA a Melfi seguita da una trasferta a Olbia, per l’apertura del cantiere di un ospedale. Tra le destinazioni del premier nella settimana che precede il voto delle Regionali, in particolare, il Mezzogiorno, «su cui il governo sta focalizzando i suoi sforzi perché il rilancio dell’economia di questa area, fortemente indebolita dalla crisi, è essenziale».

Expo risultato importante: «Un anno fa soltanto pochi ci credevano»
In chiusura, Renzi esprime i suoi auguri per il principale appuntamento della vita associativa di Confindustria, che sarà ospitato nell’area Expo, «evento che è un grandissimo successo per l’Italia e una sfida vinta». Un risultato, aggiunge Renzi, «che ha un valore particolare soprattutto per chi come noi ci ha puntato con determinazione, quando soltanto un anno fa pochi ci credevano. Abbiamo vinto questa sfida insieme e per questo desidero ringraziarti pregandoti di estendere il mio ringraziamento a tutte le donne e gli uomini di Confindustria che hanno contribuito con il loro impegno a centrare questo importante obiettivo».

Il Sole 24 Ore