Renzi, determinato su riforme, ma striglia minoranza del Pd

MATTEO RENZI

Subito dopo la seduta a Bruxelles del Consiglio Europeo, il premier Mastteo Renzi ritorna a parlare di Italia: “Ora vanno fatte le riforme perche’ il problema dell’Italia non e’ l’Europa, ma l’Italia”. Lo ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi a Bruxelles. Le riforme “non sono un optional” ha scandito il premier convinto sul cambiamento “l’Italia deve cambiare faccia”. “Da qui – ha aggiunto – il countdown dei mille giorni delle riforme che partira’ dal primo settembre con un elenco di cose che fara’ il governo e che di giorno in giorno saranno messe sul sito di palazzo Chigi”. “Il mio obiettivo e’ portare il ddl delega tra le priorita’ del pacchetto mille giorni e arrivare all’approvazione prima della fine del semestre Ue”. E’ quanto ribadisce sul ddl lavoro Matteo Renzi in conferenza stampa al termine del Consiglio Europeo. Nella stessa sede non manca di strigliare una piccola parte del Pd, “L’atteggiamento di chi aspetta che io parta per rimettere in discussione le riforme si commenta da se'”.

AGI