Renzi attacca la Raggi: ha dato i rifiuti a Mafia Capitale | Il sindaco replica: “Affari con loro? Mica siamo il Pd”

renzi premier

Matteo Renzi va all’attacco di Virginia Raggi sul fronte spazzatura e accusa: “Ha dato i rifiuti in mano a Mafia Capitale”. La risposta non si fa attendere: “Affari con loro? Mica siamo il Pd”. Mentre il premier, parlando ai giovani del Pd, ribadisce l’importanza dell’appuntamento del referendum avvertendo: “In due mesi ci giochiamo i prossimi vent’anni. E’ una sfida pazzesca, molto più grande del futuro mio e del mio governo”.

“Una scelta decisiva per il futuro dell’Italia nell’Europa – sottolinea -. E’ la partita chiave dei prossimi 20 anni, non tornerà più un’occasione del genere”, ribadisce il presidente del Consiglio. E su Virginia Raggi: “Ha dato i rifiuti in mano a Mafia Capitale”.

“Nei talk show si dice la qualunque, senza verifica” – “Ora che abbiamo stabilito che non c’è alcun pericolo di deriva autoritaria, il problema è che siamo entrati in una società della post-verità. Nei talk show non esiste la verifica reale dei fatti e chiunque può dire qualunque cosa”, aggiunge. In particolare, Renzi è tornato a polemizzare con Marco Travaglio, accusandolo di aver falsato i dati sull’occupazione.

“La Raggi sul tetto? Il problema è cosa fa quando scende” – Alla scuola di formazione del Pd il premier parla poi della questione Campidoglio. La foto di Viriginia Raggi sul tetto? “Mi suscita simpatia, è una boccata d’aria fresca, non dobbiamo fare polemica su questo, il problema non è quello che la Raggi fa sul tetto, e quello che fa quando scende”, dice Renzi

“Nuovi assessori? Vogliamo vederli all’opera” – In merito ai nuovi assessori scelti dal primo cittadino della Capitale, il presidente del Consiglio commenta: “Sorprendente che sia stata fatta la proposta a Colomban e che lui abbia accettato l’incarico alle Partecipate, uno che aveva detto certe cose sulla spesa pubblica… ora voglio vederlo all’opera nel settore delle grandi aziende dato che la pensa in un certo modo.

“Doppia morale M5s fa ridere i polli” – “La doppia morale dei 5 Stelle fa ridere i polli”, prosegue Renzi che cita il caso Muraro (“Raggi ha dato la gestione dei rifiuti a un donna collegata totalmente a Mafia Capitale”). Poi il premier fa riferimento ad alcuni parlamentari M5s, tra cui lo “scienziato Di Battista” che in un post “aveva lanciato una campagna contro Italia Capua accusandola di traffico illecito di virus, che era chiaramente una bufala. La Capua giustamente ha detto in questo Parlamento non ci sto, mentre ci resta Di Battista”.

La Raggi a Renzi: “Affari con Mafia Capitale? Mica siamo il Pd” – “Affari con Mafia Capitale? Mica siamo il Pd. I cittadini sanno che quel sistema l’hanno creato loro. Noi lo combattiamo”. Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Roma, Virginia Raggi, in risposta alle dichiarazioni del premier Matteo Renzi in merito alla gestione dei rifiuti nella Capitale. “Il premier quando è in difficoltà prova a distogliere l’attenzione. Forse è nervoso perché si avvicina il referendum sulle finte riforme”, ha aggiunto la Raggi.

Di Maio: “Il premier la butta in caciara” – Non tarda ad arrivare neanche la stoccata di Luigi Di Maio che, intervenendo ad Ortona (Chieti) a una manifestazione del M5s, dice: “Renzi è in difficoltà, specie dopo le bacchettate di Napolitano sull’Italicum e accusa noi di accordi per Mafia Capitale. La butta in caciara e si dimentica che Mafia Capitale sono loro del Pd”.

TGCOM