Renzi a Napoli, scontri tra manifestanti e polizia

polizia-stadio-2

Scontri tra manifestanti e forze dell’ordine a Napoli. I manifestanti, da stamattina in corteo per protestare contro l’arrivo di Renzi in città, hanno tentato di aprire un varco nel cordone della polizia in piazza Vittoria, sul lungomare. Le forze dell’ordine li hanno respinti con una carica e un lancio di lacrimogeni al quale i manifestanti hanno risposto con bombe carta.

I manifestanti si sono poi mossi verso la rotonda Diaz, nella direzione opposta rispetto alla redazione del “Mattino” dove è atteso il presidente del Consiglio Matteo Renzi. La zona è controllata anche dall’alto da un elicottero della Polizia. Il corteo aveva tentato la strada del porto per raggiungere la redazione del Mattino, trovando la via bloccata dalle forze dell’ordine in assetto antisommossa. I manifestanti hanno quindi cambiato percorso attraversando i Quartieri Spagnoli e i gradoni di Chiaia, per poi riversarsi sul lungomare: qui lo scontro con le forze dell’ordine. Sono stati 15 i poliziotti costretti a ricorrere a visite mediche. Un agente ha riportato una ferita alla gamba: per lui quattro punti di sutura e una prognosi di 10 giorni. Gli altri poliziotti hanno riportato contusioni o escoriazioni.

Due assessori comunali, Carmine Piscopo e Alessandro Fucito, hanno partecipato all’apertura della manifestazione di questa mattina in piazza Dante. “Siamo andati a portare la nostra vicinanza alle associazioni, ai comitati studenteschi, alle donne ed agli uomini che oggi in occasione della visita del presidente del Consiglio hanno deciso di esprimere le proprie istanze”, dichiarano. “Abbiamo riscontrato un clima di grande partecipazione democratica e pacifica e ci auguriamo che lo stesso clima accompagni la manifestazione fino al termine della giornata”, aggiungono.

ADNKRONOS