Ragazza morta carbonizzata a Roma. “Omicidio volontario”. A trovare il corpo in fiamme è stata la mamma

POLIZIA 3

Orrore e choc a Roma: una ragazza di 22 anni, Sara Di Pietrantonio, è stata trovata morta carbonizzata nella notte in strada a Roma, in zona Magliana. E a trovare il corpo in fiamme è stata la mamma, uscita di casa per cercarla, non vedendola rientrare. Il cadavere della giovane era a circa 500 metri dalla sua auto in fiamme.

“Sto tornando a casa”, aveva detto Sara alla madre in un messaggio telefonico, poco prima di morire. La mamma avrebbe telefonato alla ragazza intorno alle 3 per sapere dov’era. Dopo circa 20 minuti, non vedendola tornare, la donna ha chiesto allo zio di Sara di accompagnarla a cercare la figlia. Dopo aver trovato l’auto in fiamme la donna si è avvicinata ad un altro focolaio: era il corpo della ragazza che bruciava, dietro un cespuglio in un’area adibita a parcheggio. I Vigili del Fuoco sono intervenuti poco prima delle 5.

“Si era lasciata con il ragazzo da un paio di giorni. Non lo conoscevamo benissimo ma ci sembrava un bravo giovane”, dicono le zie di Sara. “Ieri sera è uscita con un’amica e ha mandato, come di consuetudine, un messaggio alla madre quando aveva riaccompagnato la sua amica a casa – aggiungono -, non abbiamo idea di quello che sia accaduto. Ci auguriamo si tratti di un incidente”. Le parenti della ragazza raccontano che sono stati i vigili del fuoco ad indicare che poco distante c’era un altro focolaio: “Quando Tina si è avvicinata – proseguono – ha visto la figlia a terra, con le braccia larghe e la camicetta sbottonata. Non abbiamo idea di cosa sia successo. Certo, è strano che una persona che scappa avvolta dalle fiamme si nasconda dietro un muretto per chiedere aiuto”.

Sara abitava in una palazzina di proprietà della sua famiglia, poco distante dal luogo in cui è stata ritrovata morta. Studiava economia all’Università di Roma Tre ed era figlia unica.

La procura di Roma procede per omicidio volontario. Gli accertamenti sono coordinati dal procuratore aggiunto Maria Monteleone. Tra le ipotesi prese in esame c’è anche quella del femminicidio. Nell’inchiesta al momento non ci sono indagati.

Sul posto si sono recati il magistrato di turno, gli agenti della Squadra Mobile, della polizia scientifica e del commissariato San Paolo.

Il corpo della studentessa era riverso a terra, tra i cespugli, accanto a un muretto di un parcheggio di pertinenza di un ristorante. E’ stato scoperto quando alcuni passanti hanno segnalato un altro focolaio di incendio ai pompieri che stavano spegnendo le fiamme che avvolgevano l’auto Toyota intestata alla madre della ragazza.

Gli investigatori stanno cercando di ricostruire le ultime ore di vita della studentessa. La polizia sta ascoltando amici e conoscenti della giovane per capire dove e con chi abbia trascorso la serata.  Al vaglio anche eventuali registrazioni di telecamere in zona che possono fornire elementi utili alle indagini.

ANSA