Rabiot-Psg, rinnovo. Ma la Roma non lo molla

RABIOT

Dolcetto al Psg. Scherzetto alla Roma. Adrien Rabiot resta a Parigi. Ennesimo colpo di scena di un caso di mercato che ha movimentato l’estate giallorossa e parigina, risolto nella serata di Halloween, con un rinnovo quadriennale, fino al 2019. A garanzia del Psg che così si assicura un indiscusso talento di 19 anni, da far crescere e valorizzare nel progetto dell’emiro del Qatar. Anche se la Roma, assicurano dalla Capitale, non ha nessuna intenzione di mollare il giocatore, nonostante il rinnovo. Il d.s. Sabatini non aveva nessuna intenzione di prenderlo a parametro zero, visti i buoni rapporti col club parigino. E tornerà alla carica, sperando di ripetere quanto fatto con Astori che prima di passare alla Roma rinnovò col Cagliari.

STALLO — La Roma era stata ad un passo della firma, nelle ultime ore di mercato. C’era infatti l’accordo con il Psg, ma secondo le ultime ricostruzioni a tirarsi indietro in extremis sarebbe stato il clan del giocatore, insoddisfatto della proposta finanziaria, ridotta in funzione della transazione tra i due club, stimata tra i 10 e i 15 milioni di euro bonus inclusi, a seconda della sponda. Saltata la trattativa, il giocatore è comunque rimasto fuori rosa, pur continuandosi ad allenare con la prima squadra, obbligato a giocare un paio di partite con le riserve in quinta divisione, o a restarsene a casa. Nei giorni scorsi, Rabiot si era detto sorpreso dallo stallo e soprattutto del mancato trasferimento alla corte di Rudi Garcia.

FUTURO — Un’intervista a Canal+ che aveva fatto illudere la Roma di potersi assicurare il ragazzo a parametro zero. Invece alle 19,18 stasera il Psg ha diramato il comunicato dove il giocatore, un tempo accostato anche al Milan e alla Juve, oltre che all’Arsenal dichiara: “Sono felice di restare nel club che mi ha fatto diventare il giocatore che sono. Ringrazio il presidente Al Khelaifi di aver lasciato aperta la discussione in questi mesi. Sono fiero di far parte di un progetto ambizioso anche nei prossimi anni”. Il Psg infatti non ha intenzione di mercanteggiare a gennaio. Il club francese, fanno sapere fonti interne, non avvierà nessuna trattativa a gennaio, neppure con la Roma. Rabiot, che Ancelotti si portò in prima squadra nel 2012, potrebbe così garantire un’alternativa a un’eventuale addio di Cabaye che negli ultimi tempi si è lamentato del poco spazio riservatogli da Blanc in un centrocampo monopolizzato da Motta, Verratti e Matuidi.

GAZZETTA DELLO SPORT