Qualificazioni Mondiali: Lichtsteiner e Pjanic gol, Mertens tris, Dzeko rosso

mondiali-2018-russia-marocco

La quarta giornata delle qualificazioni europee al Mondiale 2018 in Russia si chiude oggi con in campo le nazionali dei gruppi A, B e H. Ecco come sono andate le partite.

L’Olanda torna alla vittoria e aggancia la Svezia al secondo posto a 7 punti, 3 in meno della Francia capolista.
Bulgaria-Bielorussia 1-0: la Bulgaria vince la sua seconda partita nel girone e sale a 6 punti. Decide un colpo di testa di Popov al 10′ su assist di Delev.
Lussemburgo-Olanda 1-3: la nazionale di Blind porta a casa il secondo successo in 4 partite. Robben festeggia col gol il ritorno in nazionale dopo un anno, portando avanti gli Oranje al 35′ con un sinistro preciso, ma al 44′ arriva il pari di Chanot su rigore. Poi sale in cattedra Depay, entrato a inizio ripresa: al 58′ sigla il nuovo vantaggio olandese e all’84’ mette al sicuro i 3 punti su punizione.

Vola la Svizzera: contro le isole Far Oer la selezione di Petkovic centra la quarta vittoria su quattro e comanda con 12 punti. Il Portogallo resta secondo a -3, l’Ungheria è terza.
Ungheria-Andorra 4-0: il muro di Andorra regge fino al 34′, quando Gera ribadisce in rete un pallone deviato centralmente da Gomes in uscita. Nove minuti dopo arriva il raddoppio di Lang; nella ripresa, al 73′, il tris di Gyurcso (esterno destro su assist del solito Gera) e il poker di Szalai con un colpo di tacco all’88’.
Svizzera-Far Oer 2-0: la Svizzera chiude anche la pratica Far Oer e Stephan Lichtsteiner entra nel tabellino dei marcatori, firmando il gol della sicurezza. Apre al 27′ Derdiyok, che di sinistro sfrutta un gran lancio di Behrami, chiude lo juventino all’83’ con un colpo di testa su traversone di Rodriguez. Due i legni colpiti dai padroni di casa, con Djourou e Mehmedi.
Portogallo-Lettonia 4-1: serata ricca di colpi di scena per Cristiano Ronaldo. CR7 sblocca su rigore la gara con la Lettonia, poi centra il palo con un secondo penalty e arriva, inaspettato, il pari ospite con Zjuzins. Al 70′ i campioni d’Europa rimettono la freccia con un colpo di testa di William Carvalho, poi allungano con Ronaldo (che centra anche una traversa) e chiudono con la rete di Bruno Alves.

gruppo h — Belgio solitario in vetta a punteggio pieno, la Bosnia spreca l’occasione di agganciare la Grecia, che ora è a -2 dal primo posto. Nello scontro tra fanalini di coda sorride Cipro: primi tre punti in queste qualificazioni.
Cipro-Gibilterra 3-1: padroni di casa avanti al 29′ con Laifis, che segna sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma al 51′ Casciaro sfrutta un pasticcio del portiere Panayi e firma il pari. Al 65′, la difesa di Gibilterra ricambia la cortesia: sul cross di Christofi dormono in tre e Sotiriou infila il 2-1.Sielis di testa arrotonda a 3′ dalla fine.
Belgio-Estonia 8-1: prima tripletta in nazionale per Mertens, sia pure con l’aiuto di varie deviazioni della malcapitata difesa estone. Lukaku segna gli ultimi due gol del match, Meunier il primo di testa, e c’è gloria anche per Hazard e Ferreira Carrasco. Estoni a bersaglio con Anier.
Grecia-Bosnia 1-1: che partita al Pireo. La Bosnia si illude con una punizione di Pjanic che sbatte sul palo, poi su Karnezis e s’insacca, ma la Grecia reagisce e Fortounis centra il palo dalla distanza. Pjanic spreca il raddoppio, poi il match s’incattivisce: Dzeko, già ammonito, “sveste” un avversario e viene espulso. Nella rissa che ne nasce, rosso anche per Papadopoulos. Quando sembra fatta per la Bosnia, Tzavellas trova il bolide dell’1-1 al 95′.

La Gazzetta dello Sport