Primarie, domenica al voto a Roma, Napoli e Trieste

voto elezioni seggio

Roma – Domenica 6 marzo si svolgeranno le primarie del centrosinistra in diversi comuni italiani, tra cui Roma, Napoli e Trieste, dove i cittadini saranno chiamati a scegliere il nome del candidato sindaco per le elezioni amministrative della prossima primavera.

Le modalita’ di voto sono simili per tutti i comuni: per esprimere la preferenza (potranno farlo anche i ragazzi tra i 16 e i 18 anni e gli stranieri regolarmente residenti) si dovra’ mostrare un documento di identita’ valido, la tessera elettorale, sottoscrivere la ‘Carta dei valori’ del centrosinistra e versare un contributo di 1 o 2 euro per la copertura delle spese.

A Roma i seggi (190 piu’ 109 gazebo disseminati in tutta la citta’) saranno aperti dalle 8 alle 22 sotto lo slogan ‘6 marzo 6 tu che scegli’. Sei i candidati in corsa: Chiara Ferraro, Roberto Giachetti, Gianfranco Mascia, Roberto Morassut, Stefano Pedica e Domenico Rossi. Potranno votare tutti i residenti iscritti nelle liste elettorali, i sedicenni e gli stranieri residenti che entro le ore 11 di sabato prossimo (come si legge sul sito primarieroma2016.it) si saranno iscritti presso una delle quindici sedi del partito. In citta’ si svolgeranno anche le primarie per i presidenti di municipio.

A Napoli sono quattro i candidati in corsa: Antonio Bassolino, Antonio Marfella, Marco Sarracino e Valeria Valente. Sara’ possibile votare dalle 8 alle 21 e hanno diritto al voto tutti i cittadini iscritti nell’anagrafe elettorale del Comune. Potranno recarsi ai seggi anche i cittadini dell’Unione europea residenti nel territorio comunale, gli immigrati Ue e i sedicenni che entro sabato scorso si sono iscritti sul sito web primarienapoli.it. Lo slogan scelto e’ ‘Chi ama Napoli vota alle primarie’. A Bolzano i candidati alla successione del dimissionario Luigi Spagnolli sono Cristina Zanella, Renzo Caramaschi, Alessandro Huber e Sandro Repetto e i cinque seggi, uno per ogni circoscrizione, saranno aperti dalle 8 alle 20. Il termine per le pre-iscrizioni per il voto dei sedicenni e degli stranieri extra Ue e’ scaduto domenica scorsa.

A Trieste si presentano al giudizio degli elettori Roberto Cosolini (per la conferma) e Francesco Russo. I 14 seggi saranno aperti dalle 9 alle 21. I sedicenni e gli immigrati regolarmente residenti potranno votare nei seggi speciali appositamente allestiti. Per snellire le procedure di voto il comitato organizzatore ha previsto un sistema ‘salta la fila’ on line. Compilando un modulo sul sito primarietrieste.it entro le 20 di venerdi’ prossimo, si potra’ accedere al seggio evitando la fila.

A Benevento il seggio sara’ allestito all’hotel President e sara’ aperto dalle 8 alle 21. Gli elettori (compresi i sedicenni, i cittadini comunitari ed extracomunitari, i lavoratori e gli studenti fuori sede che hanno effettuato la pre-registrazione) potranno scegliere tra Raffaele Del Vecchio e Cosimo Lepore.

Tre, infine, i candidati in lizza a Grosseto: Paolo Borghi, Lorenzo Mascagni, Francesco Giorgi.

Le primarie a Roma – Una consultazione che arriva al termine di una campagna elettorale sottotono, in cui i sei candidati in campo hanno scelta la linea di un fair play forse eccessivo, come non ha mancato di sottolineare il commissario del Pd romano, Matteo Orfini. E che nella fase finale e’ stata agitata dai rumors su un supposto appoggio di Verdini a Giachetti, da tutti smentito. Ora la parola passa agli elettori: ai seggi se ne attendono almeno 70mila.

I favoriti, salvo clamorosi colpi di scena, sono certamente Giachetti e Morassut. Il primo, vicepresidente della Camera, ha dalla sua l’endorsement del premier Matteo Renzi, mediante un”investitura’ pubblica dal quale lo stesso Giachetti ha cercato in parte di smarcarsi, ribadendo piu’ volte di “avere una sua storia” (anche da ex radicale) e di “essere stato capace di dire dei ‘no'”. Ma questo non toglie che l’appoggio del segretario del partito ne faccia l’uomo da battere, un candidato che tra l’altro puo’ vantare l’esperienza di capo di gabinetto dell’ex sindaco Francesco Rutelli (impegno orgogliosamente rivendicato) e una campagna elettorale fin qui puntata sull’ascolto dei cittadini in ogni angolo della citta’. Anche il suo principale competitor, Roberto Morassut, puo’ vantare una grande esperienza da amministratore, come assessore nelle giunte di Walter Veltroni, e non a caso e’ apparso a molti osservatori come il piu’ preparato tecnicamente sui provvedimenti da assumere per risolvere i problemi della citta’.

Ecco tutti i candidati, città per città (in ordine alfabetico):

Bolzano, Trentino Alto Adige – Candidati: Renzo Caramaschi, Alessandro Huber, Sandro Repetto, Cristina Zannella.

Trieste, Friuli Venezia Giulia – Candidati: Roberto Cosolini e Francesco Russo.

Grosseto, Toscana – Candidati: Paolo Borghi, Lorenzo Mascagni, Franscesco Giorgi.

Roma, Lazio – Candidati: Chiara Ferraro, Roberto Giachetti, Gianfranco Mascia, Roberto Morassut, Stefano Pedica, Domenico Rossi.

Benevento, Campania – Candidati: Raffaele Del Vecchio e Cosimo Lepore.

Napoli, Campania – Candidati: Antonio Bassolino, Marco Sarracino,Valeria Valente.

AGI