Prandelli in ansia per Buffon A rischio l’esordio con l’Inghilterra

gianluigi buffon 1

L’entusiasmo dei tifosi in Amazzonia ha travolto gli azzurri. All’arrivo della Nazionale ieri pomeriggio a Manaus c’erano oltre 400 tifosi davanti all’albergo, con Balotelli accolto come una star. Un buon impatto, in attesa di vedere se davvero questa sera all’Arena Amazonia i brasiliani staranno dalla parte dell’Italia o salteranno il fosso per applaudire un tipo di calcio molto diverso dal loro. Non è di questo però che si occupa Prandelli. 

Il ct si è addormentato nella sua stanza all’hotel Quality Inn con il timore che si ripeta quanto accadde a Lippi quattro anni fa in Sudafrica: cominciare il Mondiale con Buffon in cattive condizioni o addirittura di rinunciarvi come fu in Sudafrica. Il portiere della Juve si è procurato una distorsione alla caviglia nella rifinitura allo stadio della capitale amazzonica ed è stato portato negli spogliatoi a braccia: l’infortunio è di poca entità secondo i medici ma il fatto che sia avvenuto in prossimità del match non garantisce che venga assorbito in tempo. La questione dei portieri è delicata. Sirigu è stato fermo per una botta al costato ed è tornato ad allenarsi soltanto martedì. Perin, che ha giocato il test contro la Fluminense, ha commesso un grave errore che è costato agli azzurri il gol del momentaneo 2-2: Bisogna vedere se la “papera” non ha lasciato strascichi nel giovane portiere genoano. La sindrome di Marchetti che quattro anni fa rilevò Buffon nella ripresa del match di esordio con il Paraguay, e diede una sensazione di insicurezza a tutta la squadra, si ripresenta. L’allenamento di ieri pomeriggio però non ha dato soltanto cattive notizie. Gli azzurri hanno testato il terreno di gioco e Prandelli ha ammesso che «non è perfetto ma è in ottime condizioni, migliori di quanto ci aspettavamo». Quanto al clima fa caldo, è inutile negarlo, e soprattutto si avverte l’afa dovuta all’umidità. Siamo però dentro i limiti accettabili e non dovrebbe incidere molto sul rendimento dei giocatori.  

LA STAMPA