Porta Portese, così cambia il mercato

Un nuovo look per la zona di Porta Portese: nell’area che arriva a largo Toja, con viale Trastevere da un lato e via Portuense dall’altro, ci saranno nuovi marciapiedi e rotatorie, semafori intelligenti, una rinnovata sistemazione con tanto di stallo numerato per i banchi dello storico mercato, tutti interventi previsti nel progetto Plus (Piano locale e urbano di sviluppo), finanziato dalla Regione Lazio con 11 milioni di fondi europei. I primi lavori sono già iniziati, a settembre la riqualificazione entrerà nel vivo. Il termine di fine cantieri è il 15 giugno 2015.
CIRCOLAZIONE
Nel dettaglio, ruspe già in azione su via Portuense, nel tratto fra largo Toja e Porta Portese: in attuazione interventi su entrambi i lati dei marciapiedi, rifacimento del manto stradale, installazione di nuovi pali della luce a led. Su largo Bernardino da Feltre i lavori – iniziati – sono finalizzati soprattutto alla messa in sicurezza dell’area, per pedoni e non: i semafori situati in corrispondenza di via Saffi e viale Glorioso saranno a led, verranno installati dispositivi per ipovedenti; sul fronte viabilità, scomparirà l’area centrale parcheggio e verrà realizzata un’isola centrale spartitraffico, con l’inserimento di panchine e alberi e l’ampliamento dei marciapiedi, per la valorizzazione delle Mura Portuensi. Entrambi i cantieri dovrebbero chiudersi a settembre. 
Nello stesso periodo partiranno i lavori a largo Toja. Spiega la presidente del XII Municipio, Cristina Maltese: «Stiamo modificando il progetto della rotonda prevista nel Plus, disegnando una viabilità che venga incontro alle richieste dei cittadini e permetta loro di utilizzare quello spazio: si realizzerà un incrocio, con semafori, per permettere l’attraversamento». I lavori di via largo Toya interesseranno anche via Ippolito Nievo e via Ettore Rolli. E poi, a seguire, le strade limitrofe, fra cui via Bezzi, su via Bargoni,  via Parboni. In autunno partiranno i cantieri anche per l’installazione di nuovi semafori intelligenti a viale Trastevere. 
Compresa nel progetto la riqualificazione dell’ex Gil, a Trastevere, chiuso da tempo: i lavori sono stati avviati. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato che entro fine anno quella struttura sarà destinata al Palazzo della creatività. Aperto anche il bando relativo alla parte sociale del Plus, che prevede borse di studio dedicate al tirocinio da svolgere nelle botteghe artigiane presenti nel quartiere. Discorso a parte sulla sistemazione del mercato domenicale di Porta Portese: l’assessore Leonori ha già svolto alcuni incontri con gli operatori («Ci sono 719 aventi diritto e altri 570 cosiddetti frequentatori abituali, persone che stanno lì da oltre 30 anni», puntualizza Maltese) e avviato un tavolo interdipartimentale: «Abbiamo fatto un censimento, ma i vari operatori ci hanno chiesto alcune modifiche sul progetto iniziale, legate alle misure e al posizionamento dei diversi stalli numerati» spiega. Interventi già in corso per la sistemazione dei marciapiedi di quell’area. Secondo il minisindaco «la riqualificazione di Porta Portese non può prescindere da un intervento anche su Clivio Portuense dove sono presenti gli storici “biciclettai”».

IL MESSAGGERO