Poletti, 110 e lode a 28 anni non serve a un fico

Giuliano Poletti

“Prendere 110 e lode a 28 anni non serve a un fico, è meglio prendere 97 a 21”. Il ministro del lavoro Giuliano Poletti non ha usato perifrasi per dire come la pensa sui percorsi universitari dei giovani italiani. Incontrando gli studenti al salone ‘Job&Orienta’ della Fiera di Verona ha messo in chiaro che il mercato del lavoro non aspetta sempre chi si laurea a 30 anni. E l’affermazione, che ha tra l’altro ricordato l’antipatico “choosy” (schizzinosi) con cui ministro Elsa Fornero aveva etichettato i ragazzi italiani, ha subito scatenato reazioni e polemiche sui social.

“Lui aveva risolto così il problema: non s’è laureato” scrive qualcuno su Twitter. Ma c’e anche qualcun altro che ha difeso l’uscita a gamba tesa dell’ex presidente della Lega Coop – “È di moda insultare i potenti di turno, e spesso se lo meritano, ma penso che #Poletti abbia detto una cosa oggettivamente vera” dice un altro tweet.

Perchè è meglio laurearsi con 97 a 21 anni? Perchè così, ha aggiunto Poletti, “un giovane dimostra che in tre anni ha bruciato tutto e voleva arrivare”. “In Italia – ha sottolineato – abbiamo un problema gigantesco: è il tempo. I nostri giovani arrivano al mercato del lavoro in gravissimo ritardo. Quasi tutti quelli che incontro mi dicono che si trovano a competere con ragazzi di altre nazioni che hanno sei anni meno di loro e fare la gara con chi ha sei anni di tempo in più diventa durissimo”. “Se si gira in tondo per prendere mezzo voto in più – ha insistito il ministro – si butta via del tempo che vale molto molto di più di quel mezzo voto. Noi in Italia abbiamo in testa il voto, non serve a niente”. Il voto è importante solo perché fotografa un piccolo pezzo di quello che siamo; bisogna che rovesciamo radicalmente questo criterio, ci vuole un cambio di cultura”.

E a proposito di cambi culturali, Poletti, dialogando con gli studenti delle superiori, ha cercato di sfatare altri ‘miti’. “La storia secondo cui per 20 anni si studia, per 30 anni si lavora e poi si va in pensione è una storia finita” ha detto. “La storia secondo cui c’è un posto dove si va a lavorare, la fabbrica, è finita. Il lavoro – ha concluso – non si fa in un posto: il lavoro è un’attività umana, si fa in mille posti”.

ANSA