Pjanic-Dzeko show: la Bosnia batte l’Iran

BOS_IRA

La Bosnia saluta il Mondiale brasiliano con una vittoria, netta sull’Iran. La selezione di Susic, già eliminata prima del fischio d’inizio supera il ‘Tim Mellì’ 3-1 grazie a due perle di Pjanic e Dzeko e al gol nel finale di Vrsajevic. Niente impresa, quindi, per l’Iran (in gol con Ghoochannejhad) che doveva vincere e sperare nella contemporanea vittoria dell’Argentina sulla Nigeria. L’Albiceleste ha fatto il suo dovere battendo gli africani 3-2. Niente da fare, invece, per la Nazionale di Queiroz battuta 3-1 dai bosniaci. Agli ottavi volano Argentina e Nigeria.

FUORI LULIC – Nella Bosnia non c’è il laziale Senad Lulic. Il ct Susic punta infatti su un 4-3-1-2 con due attaccanti come Dzeko e Ibisevic supportati sulla trequarti dal romanista Pjanic. Confermata in difesa la presenza di capitan Spahic. Nell’Iran Queiroz si affida al consueto tridente mascherato con Ghoochannejhad supportato ai lati da Dejagah e Shojaei.

DZEKO GOL – Sin dai primi minuti del match è la Bosnia a fare la partita. La selezione di Susic, già eliminata, gioca senza tensioni e sembra più lucida dell’Iran che pensa solo a coprirsi. Il fraseggio bosniaco dà i suoi al 23′: Pjanic serve Dzeko che si libera per il tiro e lascia partire un sinistro rasoterra fulmineo che s’insacca alle spalle di Haghighi. 1-0. La risposta dell’Iran è immediata: Shojaei prova un destro potente dal limite che si stampa sulla traversa. Dopo questa fiammata, però, il pallino del gioco torna in mano alla Bosnia che torna a farsi pericolosa sul finire del primo tempo con un bel filtrante di Dzeko per Vrsajevic che però non sfrutta l’occasione calciando malamente.

PJANIC LA CHIUDE – Nella ripresa la Bosnia continua a fare la partita. Dopo un minuto ci prova Pjanic con un tiro da fuori area che va sul fondo. Con la contemporanea vittoria dell’Argentina sulla Nigeria l’Iran prova ad aumentare la pressione offensiva ma Ghoochannejhad sembra troppo solo in attacco e i centrocampisti non riescono ad accompagnare l’azione in modo efficace. E’ la Bosnia a condurre il gioco e a trovare il gol del raddoppio al 60′ con Pjanic, al primo gol in questo Mondiale: Susic recupera una palla persa dalla difesa iraniana e serve sulla corsa il romanista che controlla, entra in area e batte con un delizioso diagonale Haghighi. E’ il gol che mette il punto finale al match e smorza le già flebili speranze di qualificazione dell’Iran. Negli ultimi minuti il gol iraniano di Ghoochannejhad sembra poter riaprire il match ma è immediato il gol del 3-1 bosniaco con un bel contropiede concretizzato dal preciso diagonale di Vrsajevic. E’ il sigillo finale. La Bosnia batte 3-1 l’Iran. Rislutato giusto ma inutile per la selezione di Susic, già eliminata prima del fischio d’inizio del match. Agli ottavi vanno Argentina e Nigeria.

CORRIERE DELLO SPORT