Pepito Rossi si allena: sgobba, corre e sogna Mondiale e Coppa Italia

rossi_fiorentina

FIRENZE Seduta speciale. E sensazioni ritrovate. Pepito Rossi entra al Franchi, lavora, si gode i tifosi. Non male per uno che poco più di tre mesi fa temeva di smettere. Succede tutto in un caldo pomeriggio. Montella, insieme al suo staff, aveva deciso già dal mercoledì che la seduta di ieri sarebbe stata a porte aperte. Scelta saggia. Che ha portato al Franchi circa 500 tifosi. Quello che i fedelissimi viola forse non si aspettavano, era vedere il proprio campioncino sostenere l’allenamento. Per intero. Partitella (senza troppi contrasti per la verità) compresa. La conferma, anche visiva, c’è. Pepito sta tornando. Cancelli aperti intorno alle 14.40, e squadra in campo circa un’ora dopo. Poco male, perché tra i tanti giocatori spunta anche Rossi. Pepito in realtà lavora fisicamente con la squadra già da qualche giorno. «Il Fenomeno» gridano i tifosi indicandolo. «Pepito facci vincere la Coppa» aggiungono. La coppa è la Coppa Italia. Giuseppe lavora sodo e quando inizia la partitella non si fa da parte. Anzi. I ritmi non sono sostenuti, la condizione lontana da quella ottimale. Ed i contrasti ancora latitano. Però un altro step è stato superato. Pizarro non c’è (ma domenica dovrebbe giocare), Mati Fernandez fa differenziato, Aquilani ha il ghiaccio sul ginocchio, Gomez prosegue nel recupero. Gli occhi, però, sono tutti su Rossi. Che sgobba e spera. Coppa Italia e Mondiale. Il futuro passa da qui.

LA GAZZETTA DELLO SPORT