Papa Francesco: liberare i poveri dall’oppressione

CSI DA PAPA FRANCESCO

“Evangelizzare i poveri: questa è la missione di Gesù; questa è anche la missione della Chiesa, e di ogni battezzato nella Chiesa. Essere cristiano ed essere missionario è la stessa cosa”. Così Papa Francesco prima dell’Angelus in piazza San Pietro. “Ma che cosa significa evangelizzare i poveri? Significa avvicinarli, servirli, liberarli dalla loro oppressione”, ha detto Papa Francesco chiedendo quanto la Chiesa sia fedele a questo programma di Gesù. “Oggi, nelle nostre comunità parrocchiali, nelle associazioni, nei movimenti, siamo fedeli al programma di Gesù? L’evangelizzazione dei poveri, portare loro il lieto annuncio, è la priorità? Attenzione: non si tratta di fare assistenza sociale, tanto meno attività politica. Si tratta – ha continuato il Papa – di offrire la forza del Vangelo di Dio, che converte i cuori, risana le ferite, trasforma i rapporti umani e sociali secondo la logica dell’amore. I poveri, infatti, sono al centro del Vangelo”. Papa Francesco dopo l’Angelus in piazza San Pietro ha salutato i fedeli venuti da diverse parrocchie d’Italia e di altri Paesi, come pure le associazioni e le famiglie. Il Papa ha rivolto un saluto anche agli studenti di Zafra e ai fedeli di Cervelló (Spagna); ai partecipanti al convegno promosso dalla “Comunità mondiale per la meditazione cristiana”; e ai gruppi di fedeli venuti dall’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, da Tarcento, Marostica, Prato, Abbiategrasso e Pero-Cerchiate.

ASKANEWS