Padoan: “Spending review non sarà punitiva, no a tagli lineari”

Padoan

La spending review non sarà caratterizzata da “tagli lineari”, ma sarà “un esercizio strutturale”. Lo ha spiegato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, al XV Forum di Confcommercio. Non si tratterà “di un’operazione punitiva di questo e quel segmento ma di una aggressione delle inefficienze pubbliche”.

“Ribadisco – ha detto – che non stiamo parlando di tagli di caratttere lineare, è un esercizio strutturale”. Padoan ha chiarito che avrà “una dimensione di risorse, che è fondamentale se vogliamo ridurre il carico fiscale che si può fare solo se lo finanziamo con riduzioni permanenti di spesa”.

Per quanto riguarda lo stato dell’economia, il ministro ha detto che nel secondo trimestre del 2013 si è interrotta la caduta del Pil “ma il quadro congiunturale resta fragile ed esposto a molti rischi”, spiegando che resta una “forte eterogeneità territoriale”.

“Non ha senso immaginare le riforme senza un orizzonte temporale di medio periodo”, ha proseguito il ministro. “Non c’è dubbio che i risultati di una strategia basata su riforme strutturali dia appieno i propri nel medio periodo è necessario tener conto di questo orizzonte di tempo quando si parla di riforme strutturali. Il finanziamento di queste misure deve essere fuori discussione e deve essere sostenibile, le misure non credibili finanziariamente sono politiche che danneggiano la sua stessa azione”.

TMNews