Osvaldo esplode su Twitter: “I gufi dovranno stare zitti”

OSVALDO

Alla sesta sostituzione su sette partite da titolare, Pablo Daniel Osvaldo s’è lasciato sfuggire uno sfogo. Ma mica con Antonio Conte, con il quale il rapporto fila liscio, tra stima reciproca, piuttosto con quella parte della critica che lo impallina. E che, forse, lo vorrebbe far fuori dalla spedizione mondiale. Così, appena lasciato lo stade de Gerland di Lione, l’attaccante juventino ha affidato la vendetta a twitter.

Primo cinguettio: «Io do sempre il massimo in campo, lotto su ogni pallone come se fosse l’ultimo, il gol e le giocate arriveranno perché sono forte…».

Secondo: «E tutti quelli che non credono in me dovranno poi stare zitti, inclusi i gufi che ci guardano da dietro e da lontano». Con quest’ultime parole, a pensare male, viene in mente Roma e la Roma, ovvero la casa di Osvaldo fino all’estate scorsa: e a pensar male, spesso, ci si azzecca. Soprattutto se il divorzio è stato movimentato, tra allenamenti contestati e parole grosse con i tifosi giallorossi. Anche se poi, alla punta, la rabbia non ha portato via il buon umore, se una volta atterrato a Torino, ha spedito in rete un altro tweet: «Un momento di sana follia…buona notte a tutti».

LA STAMPA