Oltre 3 miliardi per le scuole

TASSE SOLDI 3

ROMA Oltre 3 miliardi e mezzo – recuperati nei capitoli di spesa del ministero dell’Istruzione ma anche attingendo alle risorse del Fondo sociale europeo – 10.000 interventi in tutta Italia, una “cabina di regia” attiva dal primo aprile a Palazzo Chigi con il coinvolgimento di quattro ministeri, Istruzione, Economia, Infrastrutture, Ambiente. Per l’edilizia scolastica il Governo ha messo questo sul piatto.
«La scuola è il luogo da cui riparte la comunità per uscire dalla crisi» ha detto al termine del Consiglio dei ministri il premier, Matteo Renzi, assicurando che è stato trovato il modo per evitare problemi con il Patto di stabilità. «Se non metto un po’ di soldi sulla scuola non sono felice», ha aggiunto confermando l’appuntamento già annunciato per oggi con l’architetto Renzo Piano perché contribuisca al rammendo delle scuole.
«Si tratta – ha osservato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini – di una misura straordinaria. Non si è mai partiti dalla scuola nell’agenda di governo». Soddisfazione da parte dei Comuni. «Era ora», ha commentato Virginio Merola, sindaco di Bologna e componente dell’Ufficio di presidenza dell’Anci. «Da tempo chiedevamo che si potesse uscire dal patto stabilità per questo tipo di interventi. Ora, finalmente, il presidente del Consiglio lo sta facendo». E piace alla Uil scuola l’idea della cabina di regia: «È uno strumento fondamentale sia per la progettazione della tipologia degli interventi che per determinarne le priorità», ha commentato il segretario Massimo Di Menna.