Olimpiadi, il premier lancia Roma 2024 La Lega va all’attacco

Olimpiadi

La Capitale potrebbe tornare a vivere il sogno olimpico. Il governo e il Coni, Matteo Renzi e Giovanni Malagò, stanno mettendo cuore e testa alla candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024. La conferma arriva direttamente dal premier: «Segnatevi questa data, il 15 dicembre. Sarà un giorno importante, lo ha già annunciato il presidente del Coni, Malagò, che sta facendo un ottimo lavoro. Noi stiamo lavorando di sponda con il Coni e il 15 dicembre sarò insieme a Malagò alla premiazione degli atleti italiani che hanno fatto grandi risultati nel 2014 e, in quella sede, racconteremo anche qualche sogno che abbiamo nel cassetto».
E il sogno, guarda caso, sono le olimpiadi nella Capitale: «A me colpì molto quando Monti disse, ”Noi non facciamo le Olimpiadi perché è un progetto troppo grande per l’Italia”. Io invece dico che non c’è nessun progetto troppo grande per l’Italia. Semmai, talvolta, sono i nostri sogni ad essersi rimpiccioliti. Nei prossimi mesi ho da sistemare un po’ di cose: la legge elettorale, le riforme della pubblica amministrazione, del fisco, della giustizia, della scuola. E un Paese che riesce a mettere in moto queste cose, che paura volete che abbia rispetto a un ambizioso obiettivo per i prossimi 10 anni? Le Olimpiadi le facciamo sotto gamba. Organizzarle sarà più facile». Non si è fatta attendere la dichiarazione di Malagò: «Le parole di Renzi ci fanno felici. Confermano la sua sensibilità verso lo sport. Lo aspetto il 15 dicembre al Foro Italico».
LE REAZIONI

Il sindaco Ignazio Marino si «è unito a nome di tutti i romani, al sogno di Renzi»: «Roma sarebbe orgogliosa di poter essere la candidata nazionale per ospitare le Olimpiadi del 2024. La città saprà mostrarsi ospite perfetta per le migliaia di atleti che prenderanno parte alle competizioni e per i milioni di sportivi che decideranno di assistere all’imponente evento. Avremo bisogno, se saremo tra i competitori, di mettere in piedi un disegno ambizioso ma sobrio, simbolo dei veri valori dello sport olimpico».
Di tutt’altro avviso Matteo Salvini, il leader della Lega: «Renzi è un uomo pericoloso. Abbiamo 13 miliardi di euro non risarciti ai terremotati dell’Emilia. Abbiamo una disoccupazione record, ogni giorno chiudono 120 aziende, abbiamo ancora le cattedrali nel deserto per le olimpiadi invernali a Torino e i debiti per i mondiali di nuoto di Roma e il premier pensa a fare le olimpiadi». Critica anche Forza Italia con Elvira Savino: «L’idea di candidare Roma è un’arma di distrazione di massa, un altro tentativo di Renzi di gettare fumo negli occhi dei cittadini per nascondere l’incapacità del governo a risolvere i problemi». In barba a Salvini e Savino, i bookmaker internazionali già danno però la candidatura di Roma a 1.40. Cosa praticamente fatta, insomma.

Il Messaggero