Obama: “il premier saprà portare avanti l’Italia”.

OBAMA 4

Obama ha speso parole positive per l’Italia e i suoi rappresentanti: a partire dal capo dello Stato Napolitano, elogiato come «statista di alto calibro» che l’Italia ha la «fortuna» di avere. Di Renzi, invece, lo ha colpito l’energia e la positività. Ma, al di là delle pacche sulle spalle, l’occasione è stata anche utile per ribadire le alleanze strategiche: «Confermo gli impegni presi dall’Italia con i partner europei e gli Stati Uniti, in particolar modo per quanto riguarda il Mediterraneo», ha detto Obama.«Continuiamo a sperare che la Russia attraversi la porta della diplomazia e collabori con tutti noi per risolvere la questione ucraina in modo pacifico», ha spiegato il presidente degli Usa, ricordando che «l’accordo dell’Fmi con l’Ucraina» implica che «ci sarà un sostegno per supportare l’economia». Vicende internazionali, quelle che affronta Obama, che vedono coinvolta anche l’Italia: e infatti il presidente ringrazia Napolitano e Renzi, anche per l’impegno nella Nato, ricordando che «L’Italia è uno dei nostri maggiori contribuenti». E poi ha anticipato la partecipazione all’Expo degli Usa, un’occasione alla quale è «orgoglioso» di partecipare. E’«meraviglioso essere tornati a Roma, una delle più grandi città del mondo», ha detto il presidente Usa, ma Obama è anche «ansioso» di accogliere Renzi alla Casa Bianca». Venne già – ha ricordato Obama in italiano – «da primo cittadino» di Firenze. Ed è evidente la fiducia che Obama riserva al presidente del Consiglio e alle sue riforme: «Il premier saprà portare avanti l’Italia», ha detto. Ma nel suo intervento il presidente ha ricordato anche quanto sia stato colpito dall’incontro con papa Francesco: «Il Papa getta una luce sul problema dell’emarginazione sociale, in particolare dei giovani, e ricorda a tutti noi politici quali sono i nostri doveri per agire contro le discriminazioni».