Nuovi aiuti per 86 mld alla Grecia, ok anche dal board Esm

grecia_ue3

Via libera del board dell’Esm al terzo programma di aiuti per la Grecia da 86 mld. Il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombroviskis ha firmato, a nome dell’esecutivo Ue e del suo presidente Jean-Claude Juncker, il Memorandum d’intesa con la Grecia che definisce la stretta condizionalità che Atene deve rispettare per il terzo programma di aiuti da 86 mld. Lo annuncia la portavoce su Twitter

Il via libera arriva dopo che il Bundestag tedesco ha approvatooggi  con ampia maggioranza il terzo pacchetto di aiuti alla Grecia. Dallo spoglio è emerso che hanno votato a favore degli 86 miliardi per la Grecia 454 deputati tedeschi. 113 sono stati i voti contrari, 18 gli astenuti.

66 i ribelli nell’Unione di Merkel  – Sono stati 66 i deputati del gruppo parlamentare di Angela Merkel che si sono contrapposti alla linea della cancelliera sulla Grecia: 63 deputati del’Unione (Cdu-Csu) hanno infatti votato contro e 3 si sono astenuti. Diciassette gli assenti. Si tratta di un numero di dissidenti maggiore del previsto: alle prove generali di ieri, 56 deputati avevano annunciato di votare no, e 4 di astenersi. Alle votazioni che hanno autorizzato il governo a trattare con Alexis Tsipras a luglio, 60 avevano votato no e 5 si erano astenuti.

Schaeuble, cogliere chance nuovo inizio Atene, votate sì – “Sarebbe irresponsabile non usare l’opportunità di un nuovo inizio” per la Grecia. Lo ha detto il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble parlando al Bundestag tedesco per il voto sul terzo pacchetto di aiuti alla Grecia. Schaeuble rivolgendosi ai parlamentari tedeschi ha chiesto: “Votate per l’approvazione” degli aiuti. Il ministro ha anche sottolineato che “in Grecia il cambiamento è riconoscibile”.  “Per il governo tedesco è imprescindibile che il Fmi resti al tavolo con i suoi esperti”, ha spiegato.

Schaeuble ha poi sottolineato che “naturalmente non c’è garanzia che tutto funzionerà e ci sono dubbi”, proprio alla luce delle esperienze fatte in passato, ma ha anche rilevato – e più di una volta, nel suo discorso – che in Grecia la linea è cambiata profondamente. “Gran parte della misure più importanti, questa è la novità, sono già state approvate dal parlamento greco”, ha detto. E a proposito della virata del governo di Alexis Tsipras, il severo ministro di Angela Merkel ha insistito “il cambiamento è evidente, tangibile, qualcuno ha detto che sembra un altro mondo”. Schaeuble ha anche ricordato che Tsipras aveva promesso ai suoi elettori che si potessero evitare sacrifici e riforme, che sono invece “inevitabili”. Adesso “deve fare il contrario di quello che aveva promesso”, ha affermato in un altro passaggio del suo intervento.

ANSA