Napoli, tris a Cagliari: Callejon e Gabbiadini show

CAGLIARI_NAPOLI
Il Napoli torna a sognare un posto in Champions, l’incubo Serie B sembra invece avvicinarsi sempre di più per il Cagliari. La squadra di Benitez (in 10 nel finale per il rosso a Maggio) passeggia al Sant’Elia dove si impone 3-0 grazie alle reti di Callejon, Gabbiadini e a un autogol, e si porta a cinque punti da Roma e Lazio, ora appaiate al secondo posto in classifica. I numeri azzurri delle ultime tre partite sono impressionanti: 10 gol segnati, solo uno subito. Zeman, invece, dopo la durissima contestazione dei tifosi in settimana, sciupa probabilmente l’ultima occasione per rientrare in corsa salvezza: nove sconfitte nelle ultime 11 partite, adesso sono 9 i punti di distanza dall’Atalanta quartultima.

BENITEZ CAMBIA – Rispetto alla notte trionfale di Wolfsburg sono diverse le novità proposte da Benitez: in difesa spazio a Koulibaly e Strinic, a metà campo (senza lo squalificato David Lopez) tocca a Jorginho e Gargano, mentre in avanti c’è Insigne al rientro da titolare dopo l’infortunio. Dall’altro Zeman punta sul tridente Farias-Sau-M’Poku, affidando la regia a capitan Conti. C’è aria tesa al Sant’Elia e i rossoblù provano a lanciarsi subito in attacco nel tentativo di sorprendere il Napoli. Si parte su ritmi alti, con rapidi capovolgimenti di fronte: Koulibaly e Maggio rimediano due cartellini gialli, poi la squadra di Benitez si assesta e prende in mano il comando del gioco.

APRE CALLEJON… – Tanto possesso palla, molto fraseggio a centrocampo e improvvise verticalizzazioni anche con lanci lunghi dalla difesa: il copione tattico funziona e porta due volte alla conclusione senza fortuna Higuain. Sono solo le prove generali del gol, che arriva grazie a una combinazione tutta in verticale: Insigne pesca Hamsik, l’imbucata per Callejon è perfetta, lo spagnolo non ha problemi a realizzare il vantaggio con un rasoterra di destro (11° centro in campionato). I tifosi iniziano a contestare Zeman, ma il Cagliari va subito vicino due volte al pareggio: prima un salvataggio miracoloso di Callejon su M’Poku, poi Avelar si trova di fronte un attento Andujar. Sono solo lampi, perché è ancora il Napoli a sfondare: dopo un grande intervento di Brkic su Hamsik, è Balzano, nel tentativo di anticipare Insigne, a beffare di testa il proprio portiere e a regalare il raddoppio al Napoli.

…CHIUDE GABBIADINI – Zeman gioca la carta Longo al posto dell’evanescente Sau, ma è la prima mossa di Benitez a risultare decisiva: Gabbiadini, appena entrato al posto di Hamsik, trova il tris con un sinistro a giro dal limite. Si fa durissima per il Cagliari, sotto 3-0 e con la curva che contesta apertamente vedendo all’orizzonte lo spettro della serie B. C’è spazio anche per Cossu e Joao Pedro (fuori Farias ed Ekdal), ma i rossoblù faticano a trovare varchi anche quando restano in superiorità numerica negli ultimi venti minuti per l’espulsione di Maggio (Benitez è costretto a far entrare Mesto al posto di Callejon). Fa festa il Napoli, è una domenica molto amara per il Cagliari.

CORRIERE DELLO SPORT