Napoli, Sarri: «Spiace per Benitez, ha pagato per colpe non sue»

SARRI

NAPOLI – «L’esonero di Benitez? Mi dispiace, penso abbia pagato per colpe non sue». Maurizio Sarri difende il suo predecessore nella conferenza stampa della vigilia. Domani il Napoli è impegnato contro il Torino nel posticipo della 18esima giornata: «La classifica non deve condizionarci. Né in positivo né in negativo. Dobbiamo restare concentrati sulla qualità delle prestazioni. Il campionato? Resto convito che durante le feste di Natale non debba fermarsi».

FUORI JORGINHO – «Il Torino è un’ottima squadra, capace di creare problemi a chiunque». Mancherà Jorginho, out per squalifica: «La sua assenza non inciderà sulla nostra impostazione tattica». Cosa manca a questo Napoli? «Abbiamo vinto 17 delle ultime 21 partite, c’è poco da migliorare. In Europa poche squadre hanno i nostri numeri. Se devo scegliere, darei più gol a Hamsik anche se è diventato un centrocampista vero e sta facendo delle grandissime partite». L’ex tecnico dell’Empoli ha anche speso qualche parola sui singoli. Su Albiol: «È lui che detta i tempi di un reparto che sta lavorando bene». E su Koulibaly: «Crescita evidente, allo stesso tempo vedo bene Chiriches».

MERCATO – «Col direttore parlo spesso, lui sa come la penso e si muove in base alle direttive della società» ha continuato Sarri. «Mi scappa dal ridere quando sento che il giocatore è fortemente voluto da me. Io non ho mai chiesto un giocatore, ma ho sempre parlato di caratteristiche».

CORRIEREDELLOSPORT.IT