MotoGP, Lorenzo in pole a Motegi; Rossi splendido secondo

jorge lorenzo

Lorenzo in pole a Motegi e Valentino Rossi al suo fianco nelle condizioni migliori per mettergli pressione. La battaglia giapponese è già iniziata e forse è solo la premessa del primo, tanto atteso, duello corpo a corpo fra i due compagni e contendenti per il titolo 2015. Una qualifica palpitante, con una lotta sui millesimi. Dopo una fiammata iniziale di Valentino Rossi, in testa con 1’44″222, Lorenzo si riprende il vertice scendendo per primo sotto il muro dell’1’44” con 1’43″990. Replica di Rossi, che torna di nuovo davanti, ma il maiorchino ha una carta in più: un terzo tentativo che gli consente di riprendersi la pole per soli 81 millesimi con il tempo di 1’43″790. Una battaglia infinita fra i due protagonisti del mondiale 2015. In questo sabato contro il cronometro; in gara, forse in modo diretto. A seguire, Marquez competa la prima fila, mentre nella seconda ci sono Dovizioso, Iannone e Pedrosa, tutti in agguato soprattutto se dovessero essere confermate le previsioni di pioggia per la gara. Condizione che stravolgerebbe tutto, mettendo forse anche in discussione la superiorità Yamaha evidenziata, sulla pista della Honda, dalle Yamaha.

LOTTA PSICOLOGICA — Per Lorenzo è stata la quarta pole stagionale, ma come ha detto lui “Una delle meno euforiche”: vedersi Valentino, che ha trovato il giusto feeling con la Yamaha senza ‘ridursi’ al warm up, incollato non gli ha fatto piacere. È la quattordicesima volta su quindici qualifiche stagionali che Jorge batte il compagno, ma psicologicamente il 2° posto di Valentino ‘pesa’ di più della pole dello spagnolo. Lo ha conquistato con maestria e astuzia – Lorenzo ha sottolineato come ne abbia seguito le linee per avere dei riferimenti -, mettendosi nelle condizioni migliori per creargli ulteriore pressione e portare lo scontro sul suo terreno preferito: la battaglia ravvicinata. L’alba di Motegi ha creato le premesse per una gara da scintille.

LIBERE3 — Nelle Libere3 c’era stato il dominio di Jorge Lorenzo, che ha segnato il tempo di 1’44″089, precedendo le Ducati di Iannone (+0″408) e Dovizioso (+0″479), con Marquez 4° a 0″682 e Rossi 5°, ma sempre lontano dal compagno: +0″733. A chiudere la Top-10 per l’accesso diretto alla Q2 Pedrosa, Pol Espargaro, Crutchlow, Smith e Aleix Espargaro.
LIBERE4 — Deciso passo avanti di Rossi nelle Libere4, chiuse in seconda posizione a soli 175 millesimi da Lorenzo, ancora il più veloce in 1’45″000. Progressi importanti, non solo sul giro, ma soprattutto sul passo per Valentino, che cambiando radicalmente l’assetto della moto ha migliorato notevolmente prestazioni e fiducia con il mezzo. A seguire, Marquez, Smith, Iannone, Pedrosa, Dovizioso.

La Gazzetta dello Sport