Moretti: «Se mi tagliano lo stipendio di 850 mila euro me ne vado»

Mauro-Moretti
L’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti non è per nulla scandalizzato dagli stipendi dei grandi manager ed afferma: «Se mi tagliano lo stipendio di 850 mila euro me ne vado»
Ricordo che  le Ferrovie dello Stato nacquero nel 1905 in seguito alla statalizzazione di numerose ferrovie italiane. Nel 1945 si trasformò in azienda autonoma delle ferrovie dello stato sotto il controllo del ministero dei trasporti. Dal 1º gennaio 1986 fu trasformata in ente pubblico economico in applicazione alla legge 210/1985, che istituiva appunto l’ente Ferrovie dello Stato. Il 12 agosto 1992 l’ente fu trasformato in società per azioni con partecipazione statale totale attraverso il ministero dell’economia e delle finanze. Si tratta dunque a tutti gli effetti di una società statale che dovrebbe essere assoggettata ai limiti di legge recentemente modificati ed approvati. Ma Mauro Moretti con meno di 850.000 euro l’anno proprio non riesce a sopravvivere! E quindi… si apre la discussione soprattutto con è costretto a subire quotidianamente lo sfascio dei servizi destinati ai pendolari. Buon appetito, Moretti!
Stefano Molinari