Montella torna alla Samp

MONTELLA_FIO

Massimo Ferrero è riuscito nel suo intento, sarà Vincenzo Montella il successore di Walter Zenga alla guida della Sampdoria. Una trattativa breve e allo stesso tempo estenuante, visto che il club doriano aveva fissato come termine ultimo la serata di ieri per chiudere l’affare. Dall’altra parte, un avversario ostico: una Fiorentina che inizialmente aveva sparato altissimo, chiedendo oltre 5 milioni di euro per liberare un allenatore scaricato in estate ma ancora sotto contratto. I viola volevano il pagamento dell’intera clausola rescissoria, il lavoro di persuasione di Antonio Romei, braccio destro di Massimo Ferrero, ha però convinto i dirigenti gigliati ad abbassare le pretese fino a circa 2.2 milioni.

L’Aeroplanino si è ritrovato finalmente libero di volare verso Genova: una città che ha nel cuore, che da calciatore lo ha visto protagonista con entrambe le maglie. L’amore vero, però, è quello che lo lega alla Sampdoria: dopo Mihajlovic e Zenga, l’ex bomber della Roma sarà il terzo tecnico consecutivo a vestirsi di blucerchiato dopo averlo indossato già da calciatore. Non c’è ancora la firma, quella dovrebbe arrivare oggi: contratto di due anni e mezzo, in queste ore saranno trovati i vari accordi collaterali legati allo staff tecnico che Montella vorrà portare con sé.

Esordirà a Udine, scongiurando quello che sarebbe stato l’incredibile debutto doriano di Francesco Guidolin: era lui il «piano B» della Sampdoria, l’ex tecnico dell’Udinese aveva già dato il suo ok in caso di necessità. Ma il sogno di Massimo Ferrero è diventato realtà.

IL TEMPO