Montella carica l’ex «Matri, i tuoi gol per la Champions»

matri_fiorentina

E’ del Milan. Gioca contro il Milan. Ma la rivincita se la vuol prendere rispetto a quanto accaduto a Napoli. Ad Alessandro Matri fischiano le orecchie. Molti, se non tutti, parlano di lui in questi giorni. Sarebbe comunque stata la sua partita per mille motivi. Il nuovo infortunio di Mario Gomez lo pone davanti ad ulteriori responsabilità. In linea di massima il finale di stagione viola, parlando d’attacco, è roba sua. «Credo nelle qualità e nell’orgoglio di Alessandro – dice Montella – sono certo che saprà farsi perdonare qualche gol mancato contro il Napoli». Di testa, in contropiede, sotto misura. Al San Paolo Matri ha sbagliato molto. Entrando però con caparbietà nell’azione del gol di Joaquin. Perché ci sono tanti modi per rendersi utile. Certo segnare, per un centravanti, è sempre il migliore.

Consigli Accanto al numero 32 ci sarà Cuadrado. Più uno tra Joaquin, Ilicic e Matos. Stamattina Montella proverà la formazione e le sorprese sono sempre dietro l’angolo. L’Aeroplanino «qualche gol» in carriera lo ha fatto (è nella Hall of Fame della Roma). Sul tema, di lui, ci si può fidare: «Ad un attaccante può accadere di sbagliare dei gol – prosegue -. Alessandro è esperto e sa che a volte per sbloccarsi basta poco, anche un po’ di fortuna. Ci darà grandi soddisfazioni da qui alla fine e non credo sia condizionato dal giocare contro la squadra che ne detiene il cartellino. Avrà voglia di rivalsa verso quanto accaduto a Napoli, non verso il Milan«. Sono 4 i centri di Matri da quando è in viola. Il quinto avrebbe un sapore speciale.

Voglia di Champions Lo scorso anno quella contro i rossoneri era considerata da queste parti la gara della stagione. Carica di tematiche. E veleni. Stavolta sembra solo una delle tante. L’argomento più trattato in città è il ginocchio di Gomez: «Lui e Rossi saranno gli acquisti della prossima stagione» dice Montella. Segue a ruota la pazza idea di rimettere in moto ambizioni da Champions. «Io ci credo. Passa molto, se non tutto, dalle prossime due partite con Milan e Sampdoria. Saranno fondamentali. Con due vittorie potremmo impensierire seriamente il Napoli». Carezze per Balotelli: «Mi sembra un ragazzo generoso e può risolvere le partite da un momento all’altro. Mi auguro si riposi e non giochi. A prescindere dal distacco in classifica, sarà una gara fastidiosa. E’ una squadra che forse va ricostruita, anche perché per vent’anni il Milan ha ottenuto il massimo. Un anno di transizione ci sta».

GAZZETTA DELLO SPORT