Minitriplete?

Antonello Angelini

La Vecchia Signora torna a +8 dai giallorossi e persino senza rubare . Incredibile. Quella che invece riceve aiutino tanto per cambiare è proprio la Roma che viene graziata da un rigore e da un espulsione di Destro autore dell’ 1-0 a Cagliari (e poi di altri due gol). Sono già partiti i camion di sabbia su questi episodi ovviamente. La cosa più ridicola è stata poi sentire nomi del giornalismo come Ferrajolo a RadioRadio e Padellaro a Tikitaka , accalorarsi in maldestri quanto ridicoli tentativi di difesa di Destro , tentando di farci credere che “il giocatore sbraccia correndo “ , oppure “il Cagliaritano frena di colpo” , “non c’ è alcun tentativo di colpire volontariamente” oppure “non c’ è violenza”. Certi giornalisti riuscirebbero a convincermi (forse) che Ruby sia la nipote di Mubarak.

Detto questo, Llorente il flop player (Mediaset estate scorsa) segna due gol , uno stupendo e un’ altro a metà con il portiere livornese e regala i tre punti alla Juventus in una partita che il Livorno ha affrontato molto bene sino all’ uno-due in 3 minuti . Due rigori richiesti e negati alla Juventus, il primo sullo 0-0 per un mani in area, e il secondo al quinto di recupero, con la ridicola situazione di un placcaggio di Marchisio in area e l’ arbitro che fischia la fine. “Tanto stanno 2-0 “ questo dovrebbe essere stato il commento a Vucinic che protestava per non aver potuto tirare il rigore. Anyway… Juventus ancora con 8.5 punti di vantaggio che sarà obbligata a vincerne ancora tre nelle prossime sei e pareggiarne un’ altra, sempre che la Roma non rallenti.

Non sembrerebbe compito difficilissimo. Il match-point ce lo ha già a Udine dove una vittoria taglierebbe le gambe ad ogni ipotesi di rimonta visto che le partite successive saranno poi Bologna e Atalanta allo Juventus Stadium inframezzate dalla trasferta di Sassuolo , mentre la Roma deve giocare a Firenze e con Milan in casa. Giovedì il ritorno con il Lione , e dopo (si spera) le semifinali di Europa League, un torneo che potrebbe far diventare la stagione da bellissima a eccezionale, simile a quella del 76-77 con record di punti 51 davanti al Torino 50 . Era il Toro di Pulici, Graziani , Zaccarelli e i due Sala, quello che aveva strappato lo scudetto l’ anno prima (75-76) all’ ultima giornata al presidente Boniperti, che dopo essere andato su tutte le furie , fece firmare contratti in bianco a tutti i giocatori presenti nella ultima sconfitta contro il Perugia.

Dopo lo scudetto dei record , quella squadra si aggiudicò anche il suo primo trofeo internazionale , la coppa UEFA contro l’ Atletico Bilbao, dopo aver eliminato i due Manchester con due sconfitte fuori e due rimonte a Torino. Conte potrebbe riuscire a portare a casa un mini Triplete con Supercoppa Italiana, Scudetto ed Europa League. Ancora poche partite e lo sapremo.

Antonello Angelini