Milan, si lavora tra rinnovi e tecnico in attesa dei cinesi

Berlusconi Milan

Il Milan prova a non farsi travolgere dalle vicende societarie, gestendo la quotidianità e per quanto possibile programmando il futuro. Gli advisor che stanno seguendo la trattativa per la cessione del club ad un consorzio cinese si occupano delle due diligence, Adriano Galliani, invece, aspetta la finale di Coppa Italia per ufficializzare il rinnovo di Riccardo Montolivo e iniziare a discuterne altri. Ma il tema più caldo sarà sicuramente quello dell’allenatore perchè sempre a fine maggio Berlusconi deciderà se andare avanti con Cristian Brocchi o puntare su un tecnico più esperto, naturalmente mettendo al corrente i cinesi di ogni sua mossa.

 

Sul taccuino non restano molti nomi perchè Marcello Lippi sembra attratto dall’idea di andare ad occuparsi delle giovanili in Nazionale mentre Montella è entrato nella lista di coloro che possono sostituire Antonio Conte sulla panchina degli azzurri. Lippi, ieri a margine di un Convegno che si è svolto all’Università Bocconi è stato interrogato sulla possibilità che il comproprietario del Guangzhou Jack Ma, possa essere coinvolto nella trattativa con i rossoneri ed è apparso molto scettico: «Ho mantenuto buonissimi rapporti con loro ma non ho mai ricevuto una mezza telefonata per chiedere mezzo consiglio e questo mi fa pensare, anche se tante volte i gruppi importanti si affidano agli advisor».

Berlusconi, intanto, aspetta di essere relazionato sullo stato della trattativa ma l’impressione è che quando verrà affrontato il tema della governance chiederà un ruolo operativo e non solo di facciata. L’idea di lasciare il Milan a degli sconosciuti non gli piace affatto.

LA STAMPA