Milan, Montella: «Per un gol decisivo contro l’Inter farei l’aeroplanino»

MONTELLA

MILANO – Un giro sui campi e nelle strutture di Milanello, la visita a Casa Milane un vertice di mezz’ora con Adriano Galliani. Vincenzo Montella ha vissuto così la sua prima vera e propria giornata da allenatore rossonero, in attesa di cominciare da giovedì a lavorare con la sua nuova squadra.

Ma il suo Milan difficilmente inizierà a prendere forma prima di una decina di giorni. Non sono infatti in vista grandi mosse di mercato prima della firma del contratto preliminare per la cessione dell’80 per cento del club ai cinesi, che le parti contano di portare a termine per la metà di luglio. Manca ancora la decisione definitiva del presidente rossonero Silvio Berlusconi (sempre più orientato a cedere il controllo), che domani lascerà il San Raffaele per proseguire a casa la riabilitazione dopo l’intervento al cuore. E non c’è ancora la stesura definitiva del preliminare.

FUTURO SOCIETARIO – Negli ultimi giorni i manager di Fininvest e gli advisor degli investitori orientali hanno lavorato non solo sugli aspetti tecnici del contratto, ma anche sul meccanismo di gestione delle operazioni di mercato nel periodo di transizione fino al closing, atteso per settembre. A quel punto i cinesi sosterranno gran parte dei costi per gli acquisti estivi, da concordare in modo più chiaro di quanto avvenuto per il primo colpo estivo, Gianluca Lapadula.

STRATEGIE – Montella attende, qualche spunto l’ha già dato a Galliani (che poco prima aveva fatto visita a Berlusconi in ospedale) e qualche altro lo fornirà nei prossimi giorni, soprattutto per avere il centrocampista di qualità necessario per i suoi piani tattici. Si parla fra gli altri dell’ex interista Mateo Kovacic, che non ha molto spazio nel Real Madrid. Ogni ipotesi sarà vagliata da Galliani e dall’advisor dei cinesi Nicholas Gancikoff, che intanto oggi ha voluto visitare San Siro. Dopo un arrivo low profile alla Stazione Centrale, Montella invece ha iniziato a prendere confidenza con Milanello, dove da giovedì (dopo la conferenza stampa alle 13 a Casa Milan) alloggerà nella stanza numero 5 che ha ospitato i suoi predecessori e comincerà a lavorare sul campo con la squadra. Domani e mercoledì i giocatori sosterranno i test fisici, poi tutti in ritiro senza i reduci dalle nazionali (Kucka, De Sciglio, Locatelli, Bacca e Zapata) e con Lapadula, che ha rinunciato a qualche giorno di permesso supplementare dopo il matrimonio. L’unico appuntamento già fissato è la partenza a fine luglio per tournée negli Stati Uniti, dove i rossoneri affronteranno il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti, il Liverpool di Mario Balotelli e il Chelsea di Antonio Conte.

#ASKMONTELLA – In un video pubblicato sul profilo Twitter del Milan, Montella si è sottoposto alle domande dei suoi nuovi tifosi. «Per un gol decisivo all’ultimo minuto contro l’Inter probabilmente farei l’aeroplanino. Il momento più bello da tifoso del Milan? Il 4-0 allo Steaua Bucarest e quello al Barcellona. Oggi vorrei uno come Van Basten nella mia squadra».

CORRIEREDELLOSPORT.IT