Milan Juve Tevez e Galliani

Antonello Angelini

Grande prova di forza e compattezza della Juventus che a San Siro contro il Milan non ha praticamente mai rischiato di prendere gol , con la eccezione di un colpo di testa nel primo tempo che ha permesso a Buffon (voto6,5) di sporcare i guantoni e guadagnarsi lo stipendio. L’ altra faccia della medaglia è che questa squadra sembra aspettare il grande colpo di Tevez , senza dannarsi troppo. Il gioco è continuo ma un po’ prevedibile (manca Pirlo ovviamente che aiuterebbe) . Le fasce non hanno funzionato perfettamente e Lichsteiner e Asamoah non sono quasi mai riusciti a crossare dal fondo . Quelle poche volte che lo hanno fatto il piede non eccelso dello svizzero non ha aiutato. Le palle gol e le azioni pericolose sono venuto perlopiù da imbucate centrali per Llorente che faceva sponda per qualcuno al tiro. Bravo Llorente soprattutto nel primo tempo voto 6,5 come tutta la difesa : Chiellini 6,5 (deve però cercare di non esagerare nelle sceneggiate quando riceve una manata) , Ogbonna 6,5 (lo dicevo che bisognava dare un altro anno a questo giocatore), Bonucci 7. Il voto più difficile da dare è Pogba che ha fatto le cose migliori ma anche sprecato due azioni. Gli do 7 soprattutto per l’ assist bellissimo ma da lui mi aspetto ancora di più. Marchisio ottimo nelle due fasi voto 7. Pereyra 6 , anche da lui mi aspetto di più in fase di attacco. Si è fatto male Caceres e potrebbe essere un problema per le prossime partite, tra l‘ altro è reduce da prestazioni notevolissime. Non mi è piaciuto Romulo , però gli diamo un 6 di stima perché era all’ esordio. Ma un giocatore che entra fresco deve dare qualcosa in più.

In generale la Juventus ha dominato la partita ma per la Champions serviranno ritmi molto più alti. Il fatto che Tevez sia così decisivo ci ripropone il quesito se sia meglio acquistare un Tevez all’ anno in un altro ruolo o 3-4 rinforzi come fatto quest’ anno. Solo la Coppa delle grandi orecchie ci darà la risposta .

Per chiudere qualche breve sfottò: ai miei amici Franco Melli e Roberto Pruzzo che avevano previsto la Roma in vetta da sola un invito a continuare con i pronostici. Un complimento a Tevez per aver segnato nel suo ex stadio (questa l’ ho copiata ma era troppo divertente) e per essere andato a mangiare da Giannino dopo la partita. Conosceva bene il menù del ristorante essendoci stato già varie volte con Galliani.

Antonello Angelini
Il Tempo