Milan, Bertolacci: “I 20 milioni non mi pesano, ho fatto una grande stagione”

Andrea-Bertolacci

Nessun allarme al Milan, lo garantisce Andrea Bertolacci. “È normale incontrare qualche difficoltà in pieno cambiamento, ma presto dimostreremo a tutti di essere da Milan”. Nel mirino c’è proprio il centrocampo rossonero, leggerino e in generale non all’altezza secondo molti addetti ai lavori. “Sono cose che dite voi – continua Bertolacci -, io penso solo a me, a dare il massimo, a migliorare costantemente. Sono sereno, e non mi pesano i 20 milioni spesi per il mio cartellino. Lo avete detto voi che vengo da una stagione di alto livello…”. Il 24enne prodotto del settore giovanile della Roma non è assolutamente pentito di avere scelto il Milan: “Sono tifoso rossonero fin da bambino, nella mia vecchia camera sono ancora appese le foto di Roberto Baggio. E comunque sfido chiunque a dire no a un club tanto prestigioso, anzi alla squadra più importante d’Italia. La mia è stata una scelta di testa e di cuore”.
FIRENZE AIUTACI — “Ma fatemi parlare di Nazionale qui – continua Bertolacci -, dobbiamo portare a casa sei punti nelle prossime due gare, in modo da metterci al sicuro e iniziare a preparare con grande anticipo l’Europeo. Spero che Firenze aiuti la Nazionale. Quando sono venuto qui col Milan ho visto un ambiente straordinario. Occhio a Malta, non è una gara scontata. Si chiudono bene e sono pericolosi in contropiede”. Italia forse con Pirlo e Verratti insieme dal primo minuto: “Possono coesistere, eccome. È impossibile tenere fuori due giocatori simili. E non siamo noi a doverli aiutare in campo, sono loro a dare una mano al resto della squadra”. Capitolo stranieri: “Sì, sarei ipocrita nel dire che ci sono i giusti spazi per i giovani italiani. È un peccato, perché i talenti non mancano, servirebbe solo un pizzico di pazienza”.

La Gazzetta dello Sport