Mihajlovic: “Sarri ha sbagliato ma non è un razzista”

mihajlovic

“Sarri non è un razzista ma ha sbagliato, come ha ammesso lui stesso. A volte in campo si va oltre con le parole, noi allenatori abbiamo però il dovere di dare l’esempio. Magari la tensione lo ha portato a dire quello che non pensa”. E’ la presa di posizione del tecnico del Milan, Sinisa Mihajlovic, sulla vicenda degli insulti a sfondo omofobo di Maurizio Sarri nei confronti del collega Roberto Mancini sul finale della sfida di Coppa Italia Napoli-Inter.

“Va rispettata la sensibilità e il carattere del tecnico Mancini, io avrei gestito la vicenda in maniera diversa, magari parlandoci faccia a faccia con Sarri. E’ un brutto episodio da condannare ma andiamo avanti e pensiamo al calcio”, conclude il tecnico serbo nella conferenza stampa alla vigilia di Empoli-Milan.

Per quanto riguarda la gara del Castellani il tecnico serbo aggiunge: “Stiamo bene e abbiamo tutte le possibilità di vincere ma serviranno concentrazione, voglia di vincere e cinismo. Se riusciamo a ripetere le ultime prestazioni avremo molte chance”.

“L’Empoli la considero la vera sorpresa della stagione, nelle ultime 10 giornate hanno fatto 20 punti perdendo solo con Juventus e Inter, hanno vinto sei volte, 4 in trasferta. Sono una delle squadre che giocano meglio in Italia, a memoria e a viso aperto, devo fare i complimenti a Giampaolo -sottolinea l’allenatore del Milan nella conferenza stampa della vigilia-. Piano piano stiamo uscendo fuori ma non ci dobbiamo far ingannare dai nomi meno famosi dell’Empoli, andiamo lì sapendo che possiamo vincere ma sarà difficile contro una delle squadre migliori della Serie A”.

Inutile guardare alla classifica e al sogno di agganciare la Roma attesa dalla complicata sfida del J-Stadium coi bianconeri: “Prima dobbiamo vincere e poi perdere loro, se si avverano queste due cose avremo gli stessi punti e vedremo. Mancano 18 partite, il campionato è ancora aperto, vediamo partita dopo partita. Se giochiamo come con la Fiorentina abbiamo la possibilità di toglierci tante soddisfazioni”.

ADNKRONOS