Mercato, la Juve prende Matri. La Roma ripiega su Spolli, Santon torna all’Inter

calciomercato

E’ stato il giorno della Juve. Proprio in chiusura la Vecchia Signora è tornata protagonista del mercato ufficializzando gli acquisti di Matri e Rugani e il ritorno di Sturaro. L’attaccante arriva dal Genoa in prestito, il difensore, che resterà in Toscana fino a fine stagione, è costato 3,5 milioni. Matri va a colmare il vuoto lasciato da Giovinco che ha rescisso anzitempo il contratto che lo legava ai bianconeri per vivere subito la nuova avventura con il Toronto.

ROMA, SPOLLI A SORPRESA –
La Roma ha chiuso ufficializzando Ibarbo e Spolli. L’attaccante esterno del Cagliari è stato preso in prestito per 2,5 milioni di euro, con diritto di riscatto fissato a 12,5 milioni. Il difensore del Catania arriva in prestito per un milione più un milione per il riscatto, obbligatorio in caso di un determinato numero di presenze.

SAMP, PRESI MUNOZ E ACQUAH – Attivissima la Samp che punta con decisione alla Champions. Dopo Eto’o, Correa, Coda e Frison, si è garantita in extremis le prestazioni di Munoz (500.000 euro per il prestito fino a giugno) ed Acquah che vanno a coprire i tasselli lasciati scoperti da Gastaldello e Krsticic, ceduti al Bologna. A giugno, poi, arriveranno il camerunese Olinga il giovane Bonazzoli, prelevato dall’Inter.

L’INTER RIABBRACCIA SANTON, MA SALTA ROLANDO –
A proposito di Inter, che fino all’ultimo ha tentato senza successo di far tornare a Milano Rolando (che il Porto ha ceduto all’Anderlecht), i nerazzurri si consolano con il rientro di Santon che arriva dal Newcastle in prestito gratuito con diritto di riscatto fissato a 3,7 milioni in caso di 10 presenze. “Volevo essere chiaro e sincero come lo sono sempre stato… è venuta fuori un po’ di confusione nelle ultime ore dicendo che ho rifiutato la prima offerta dell’Inter e che poi son dovuto venire qua perché il Newcastle mi ha obbligato… niente di vero”, chiarisce Santon in merito al suo passaggio in nerazzurro. “Io non ho mai rifiutato l’Inter però siccome la trattativa è venuta fuori tutto all’ultimo giorno di mercato ho solo chiesto un paio di ore per parlarne con la mia famiglia per sapere cosa ne pensava”.

MILAN, UFFICIALE PALETTA – Il Milan ha chiuso ufficializzando Paletta ma ricevendo il no dell’Atalanta per Baselli. Trattativa congelata e rimandata a luglio. I nerazzurri hanno chiesto l’obbligo di riscatto, il Milan era disposto a chiudere l’affare solo con il diritto, senza vincoli. van Ginkel, richiesto dal Cesena, e Armero, voluto dal Genoa, alla fine sono rimasti.

GENOA, RIECCO BORRIELLO –
Salutati Matri, Sturaro, Antonelli e Strasser (al Livorno in prestito), il Genoa si è consolato riprendendo a titolo definitivo dalla Roma Borriello e acquistando dal Valladolid il 26enne esterno mancino franco-marocchino Zakarya Bergdich.

SALAH ALLA FIORENTINA, BERGESSIO ALLA LAZIO SALTA –
Ceduto Cuadrado, la Fiorentina ha chiuso all’ultimo minuto per Salah, che arriva in prestito (gratuito fino a giugno, estendibile per un milione fino al 2016) in contropartita dal Chelsea, e per Rosi, preso in prestito dal Genoa.

LAZIO, SALTA BERGESSIO – Ed è terminata a sorpresa un’altra telenovela, quella del passaggio di Bergessio, dalla Sampdoria alla Lazio. Dato per fatto, il prestito con obbligo di riscatto fissato a 3 milioni è stato bloccato da Ederson, che ha rifiutato il trasferimento in blucerchiato.

TORO, ARRIVA SERAFINO DAL BOCA – Le altre. Molto attivo il Chievo: ha ceduto Lazarevic al Sassuolo ma ha prelevato Nicola Pozzi dal Parma e il centrocampista bulgaro Armando Vajushi, classe 1991, dal Litex Lovech. Sfumato Ilicic, il Torino ha acquistato Francesco Serafino, classe 1997, dal Boca Juniors. Il Verona ha preso Pisano dal Palermo. Il Cesena, infine, ha ricevuto in extremis il no da Mounir El Hamdaoui.

LA REPUBBLICA