Marò: Girone rientrerà subito in Italia. Renzi: “Polemiche inutili, i fatti sono fatti”

Rientro in Italia dei marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Finalmente Salvatore Girone può tornare in Italia. La Corte Suprema indiana ha accettato di rendere immediatamente esecutivo l’ordine del Tribunale arbitrale internazionale dell’Aja di far rientrare il fuciliere di Marina  per tutta la durata del procedimento arbitrale. Una buona notizia dopo quattro anni di attese e incertezze, da quando Girone e Massimiliano Latorre furono arrestati in Kerala con l’accusa di aver ucciso due pescatori indiani scambiandoli per pirati, mentre erano in servizio a bordo della nave mercantile italiana Enrica Lexie.

La Farnesina accoglie con soddisfazione la decisione odierna della Corte Suprema indiana che ha dato urgente attuazione a quanto stabilito dal Tribunale arbitrale de L’Aja il 29 aprile scorso, come richiesto nei giorni scorsi dall’Italia. “Un grande risultato di un lavoro di squadra”, ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, da New York commentando gli sviluppi della vicenda dei marò, confermando che Salvatore Girone tornerà in Italia entro la fine della settimana.

“Confermiamo la nostra amicizia per l’India, il suo popolo, il suo governo. E diamo il benvenuto al marò Girone che sarà con noi il 2 giugno” scrive Matteo Renzi in un tweet. Il premier ha avuto stamattina – a margine degli impegni del G7 – una fitta serie di telefonate sulla vicenda. A cominciare dal filo diretto con New York dove si trova il ministro Paolo Gentiloni. Renzi ha scambiato telefonate e messaggi anche con l’ambasciatore italiano in India Lorenzo Angeloni e con lo stesso Girone mentre il generale Masiello, che riporterà il marò in Italia, è in Giappone con il premier.

Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, invita a non fare polemiche. “I governi precedenti – ha detto rispondendo ai cronisti sugli attacchi arrivati da altre forze politiche, come Forza Italia, sui ritardi nella soluzione della vicenda dei marò – sono stati sostenuti proprio da chi oggi attacca, mi riferisco a Forza Italia-Pdl. Questo intanto è il governo che ha risolto e credo che in momenti come questo sia il caso di fare i complimenti per i risultati piuttosto che fare polemiche”.

Trovo davvero inutili le polemiche. I fatti sono fatti“. Dice il premier Matteo Renzi al G7 in Giappone parlando del rientro in Italia del marò Salvatore Girone. “Confermo la stima, l’amicizia e la collaborazione con popolo e governo indiani, ringrazio tutti i livelli tecnici, a cominciare dalla Farnesina, per il lavoro importante”, ha aggiunto Renzi.

“La Corte suprema indiana ha deciso: finalmente il marò Girone potrà tornare a casa. L’ho sentito al telefono, siamo felici e soddisfatti”. Così il ministro della difesa, Roberta Pinotti, commenta su Twitter la decisione indiana sul rientro di Girone.

Moglie Girone, felicissima, finalmente insieme– “Felicissima!!!Finalmente insieme!!”. Così Vania Ardito, moglie del fuciliere Salvatore Girone, ha modificato il proprio stato su whatsapp, dopo la notizia che la Corte Suprema indiana ha accettato di rendere immediatamente esecutivo l’ordine del Tribunale arbitrale internazionale dell’Aja di far rientrare in Italia il fuciliere di Girone per tutta la durata del procedimento arbitrale. Al suo stato Vania Ardito aggiunge anche la emoticon di una famiglia: un uomo, una donna e due bambini, proprio come il proprio nucleo famigliare.

Il papà Girone, l’ho sentito, è felice – Con Salvatore “ci siamo sentiti in maniera veloce ma intensa: è felice e sta meglio moralmente, così come tutto noi”. Lo dice all’ANSA Michele Girone, papà del fuciliere Salvatore Girone, che potrà rientrare dall’India il prossimo 2 giugno. “Sono felice – aggiunge – siamo tutti molto felici”. “Adesso – sottolinea – aspettiamo Salvatore per riabbracciarci tutti quanti insieme”. “La notizia del suo rientro – conclude – è davvero molto molto bella e ci riempie di gioia”.

Latorre, felice per notizia rientro Salvatore – “Massimiliano è felice, anche ieri su Facebook, nel post pubblicato in occasione del suo compleanno, aveva ribadito il grande desiderio che Girone rientrasse in Italia”. Lo dice all’ANSA Paola Moschetti, compagna del fuciliere di Marina, Massimiliano Latorre, di cui riferisce il commento alla notizia del rientro in Italia del commilitone Girone. Dal suo canto Moschetti aggiunge: “Speriamo di recuperare un pò di serenità”.

Emiliano, finalmente, la tua Puglia ti aspetta  – “Finalmente la notizia che attendevamo da quattro anni. La tua Puglia ti aspetta Salvatore!”. Lo ha scritto su Twitter il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commentando la notizia del rientro del fuciliere barese di Marina, Salvatore Girone.

Alfano, stavolta governo ha fatto le cose per bene – “E’ una giornata di grande soddisfazione, il governo questa volta ha fatto le cose per bene”. Così il ministro dell’Interno e leader Ncd, Angelino Alfano, commenta il ritorno annunciato del marò Salvatore Girone in Italia. “E’ una bella giornata e abbiamo qualcosa di importante da festeggiare, ed è bello anche che ciò avvenga nei giorni della festa della Repubblica. E’ anche la prova, e non ci vuole uno scienziato per comprenderlo, che visto che tutto si è risolto, le cose adesso sono state fatte meglio di come erano state fatte prima”.

Italia ribadisce, rispetteremo condizioni Corte India  – In linea con quanto stabilito dal Tribunale dell’Aja, Italia e India hanno cooperato nelle ultime settimane per definire le condizioni e le modalità del rientro e della permanenza nel nostro Paese di Girone, in pendenza della procedura arbitrale sul caso della Enrica Lexie. Lo rende noto la Farnesina. Il Governo – prosegue la nota – nell’attesa di accogliere finalmente in patria Salvatore Girone, rinnova l’impegno a conformarsi alle condizioni e modalità stabilite dalla Corte Suprema indiana. La decisione odierna è un risultato importante che riconosce l’impegno intrapreso dal Governo italiano con il ricorso all’arbitrato internazionale per fare valere le ragioni dei nostri due Fucilieri di Marina. Con lo stesso impegno l’Italia si presenterà ai prossimi passaggi previsti dal procedimento arbitrale.

Girone partirà nei prossimi giorni  – Salvatore Girone “potrebbe partire già nei prossimi giorni”. Lo ha confermato all’ANSA l’avvocato Diljeet Titus, che guida il team legale indiano, dall’uscita dell’udienza della Corte Suprema a New Delhi. “Già oggi depositeremo alla Corte un nuovo undertaking (garanzia scritta firmata dall’ambasciatore a nome del governo italiano) – ha spiegato – e poi domani avvieremo le pratiche per il rimpatrio”. Le procedure prevedono in particolare che i legali di marò si rechino all’Ufficio per la registrazione degli Stranieri (Frro) per chiedere il permesso di residenza e il visto in uscita. Il governo indiano dovrà quindi informare le autorità aeroportuali di New Delhi (Migrazioni e Polizia) della decisione che autorizza l’espatrio di Girone.

ANSA