Mancini: “Ecco la mia Inter: una 500 ultimo modello”

FBL-EUR-C1-JUVENTUS-GALATASARAY

“Dobbiamo andare avanti per la nostra strada. C’è stata partita fino a un quarto d’ora dalla fine, l’abbiamo presa seriamente altrimenti in questi casi rischi di fare brutte figure”. Roberto Mancini si gode un’altra vittoria e il passaggio ai quarti di Coppa Italia, un’altra gara con tanti gol fatti e nessuno subito, un’altra perla del viralissimo #EpicBrozo, ovvero Marcelo Brozovic, autore di un gol praticamente uguale a quello firmato con l’Udinese: “L’ho già fatta la posa — ride Mancini —. Brozovic è giovane e bravo, ha margini di miglioramento enormi, sicuramente diventerà un grande centrocampista”. Insomma, materia ce n’è a sufficienza per accendere l’entusiasmo, ma il Mancio preferisce i panni del pompiere: “Che voto do al mio anno all’Inter? Sei: non abbiamo ancora fatto niente” risponde il tecnico ai microfoni della Rai.
ASCESA — Eppure, da un anno con l’altro, la situazione in casa Inter è decisamente cambiata. Novembre 2014 l’esonero di Mazzarri e una squadra da risollevare, dicembre 2015 un’Inter granitica in testa alla classifica e avanti in Coppa Italia: “Un anno fa ero venuto a Milano per cercare di dare una mano — continua il Mancio — c’è bisogno di tutti quando le cose non vanno per il verso giusto. Abbiamo messo una buona base e ora le cose vanno meglio, ma la stagione è piena di insidie. Quali sono i miei meriti? Ci vuole tempo, per qualsiasi allenatore, per mettere in piedi una squadra discreta. Siamo felici di fare il Natale in testa e questa è una buona cosa. Cambio spesso modulo? Non è per disorientare gli allenatori avversari, che sono molto preparati. Lo faccio per tenere pronti tutti giocatori. Sono tutti bravi e averli pronti per giocare è una cosa molto positiva”.
MACCHINA NERAZZURRA — Ma che Inter sta pilotando Mancini? Una fuoriserie o un’utilitaria? “Siamo una 500 — scherza il tecnico — ma l’ultimo modello, quello un po’ più grosso. C’è da lavorare ancora…”. E sul mercato di gennaio: “Abbiamo un equilibrio e mi sembra difficile che possa arrivare qualcuno. Poi vedremo, perché ci sono giocatori che non hanno la possibilità di giocare e chiedono di essere ceduti. La rosa comunque è completa, siamo tanti e stiamo facendo bene”. Quanto bene, sono i risultati che parlano per lui.
CORI CONTRO NAPOLI — Intanto, durante la partita, dalla Curva Nord (schierata per l’occasione nel primo anello verde) sono partiti cori censurabili contro Napoli e i napoletani. I tifosi nerazzurri hanno inneggiato al Vesuvio per una decina di minuti.

La Gazzetta dello Sport