M5s: Lo strappo di Federico Pizzarotti dal movimento

pizzarotti_grillo

Addio di Pizzarotti al Movimento Cinque stelle. “Sono sempre stato un uomo libero – ha detto in conferenza stampa – da uomo libero non posso che uscire da questo Movimento 5 Stelle, da quello che è diventato oggi e che non è più quello che era quando è nato”. Lo strappo vedrà compatto tutto il gruppo che forma la maggioranza in Municipio a Parma. Intanto Beppe Grillo è a Roma e dovrebbe incontrare i vertici M5s.

Non sono cambiato io, o i nostri ideali, è cambiato il M5s. E’ mancata la coscienza critica, l’ho esercitata solo io, e quindi vengo visto come disturbatore. In tante parti d’Italia siamo stati consumati da arrivisti ignoranti che non sanno cosa vuol dire amministrare: vogliamo governare e poi non si dialoga con nessuno. Questo non vuol dire governare”.

“Io non credo – ha detto ancora Pizzarotti – nei partiti personali, non credo che ci sia il salvatore della patria, non lo può fare Renzi, Salvini, Berlusconi, non lo può fare nemmeno Grillo: è una sconfitta avere un capo politico, poi ci può essere persona rappresentativa, ma da soli non si va da nessuna parte”. “La parola movimento – ha aggiunto – è giusta perché è orizzontale. Si ha sempre avuto paura di darsi un’organizzazione, che non vuol dire una struttura verticistica, ma sapere chi chiamare quando devi fare qualcosa senza che nessuno si offenda. Sette anni fa a Firenze e al teatro Smeraldo ci si incontrava e ci si guardava in faccia, poi non lo si è più fatto. Forse per paura di togliere potere alla Casaleggio? Ma noi dobbiamo far crescere la Casaleggio o il Movimento?”.

Fico, non ci sono norme ad personam – “Non ci sono norme ad personam nel Movimento”. Lo ha detto Roberto Fico, deputato M5S, commentando le dichiarazioni di Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, che ha lasciato il Movimento, parlando di norme ad personam, in riferimento alla sua sospensione. “C’è una procedura – ha affermato – Pizzarotti era sospeso da un po’ di mesi, ma so che c’è stato un carteggio con lo staff e con Grillo rispetto alle richieste e alle risposte”. “Vi sono rapporti difficili andati avanti per anni – ha sottolineato – sono sempre stati un po’ complicati anche sui contenuti”. Ora, aggiunge, “parleranno Federico Pizzarotti e Beppe Grillo, che è il garante del Movimento“.

ANSA