Lazio-Sassuolo 3-2, ancora Djordjevic, Berardi non basta

MAURI_LAZ_SAS
Seconda vittoria di fila per la Lazio, ma quanta sofferenza per archiviare i tre punti contro il Sassuolo (finale 3-2). I gol di Mauri, Djordjevic e Candreva, intervallati dalla rete di Berardi, sembravano avviare la squadra di Pioli verso una gara in discesa. Ma il secondo gol degli emiliani (rigore di Berardi) in avvio di ripresa ha rilanciato la sfida. Risultato in bilico sino al termine sia per la riscossa del Sassuolo sia per i tanti errori dei romani in fase conclusiva.
BLOCCO — Nella Lazio conferma in blocco dello schieramento che ha vinto a Palermo. Nel Sassuolo, una novità per reparto: Antei, Biondini e Berardi, che rientra dopo tre turni di squalifica. La squadra di Pioli mostra subito la propria superiorità e sblocca il risultato al 9’: dai 25 metri sinistro fulminante di Mauri, imbeccato da Onazi. La Lazio si muove agilmente, mentre il Sassuolo patisce la differenza di valori. Al 25’ arriva il raddoppio: cross pennellato dalla sinistra di Candreva per il colpo di testa di Djordjevic. Passa appena un minuto e gli emiliani riaprono i giochi. Sansone lancia Berardi, che in uscita beffa Marchetti. Così il Sassuolo torna al gol dopo 434 minuti. La formazione di Di Francesco si rianima e potrebbe anche pareggiare al 31’: palo di Zaza. La Lazio resta però in agguato e al 35’ va ancora a segno: spiovente di Lulic dalla destra, tocco di Antei per anticipare Djordjevic, irrompe Candreva che non dà scampo a Consigli.
RIPRESA — In avvio di ripresa, Lazio ancora all’attacco. Pericoloso Lulic: respinge Consigli. Al 6’ cambia nuovamente il risultato. L’arbitro Tommasi punisce un intervento in area di Cana su Berardi. Rigore per il Sassuolo e secondo giallo per il difensore della Lazio. Dal dischetto realizza Berardi. Pioli rimedia all’inferiorità numerica inserendo un altro difensore Ciani (out Mauri). Di Francesco avvicenda Biondini con Missiroli. Al 17’ resta in 10 anche il Sassuolo. Secondo giallo a Peluso per fallo su Candreva ai limiti dell’area. Di Francesco copre la retroguardia inserendo Longhi al posto di Taider. Poi, dà via libera Floro Flores per rinforzare la prima linea. Ma tra gli emiliani si segnala Consigli, che, dopo aver sventato su tocco ravvicinato di Djordjevic al 13’, devia un siluro di Parolo al 27’. C’è Marchetti sul colpo di testa di Longhi al 36’, così come Consigli si esalta anche su Klose che al 44’ manca il graffio vincente. Finisce 3-2 tra tante emozioni.
GAZZETTA DELLO SPORT