Lazio-Juventus 0-1: entra Higuain, ma la sblocca Khedira

Higuaìn Juventus

Ci sono tabù e certezze che durano nel tempo. La Juventus continua a essere la bestia nera della Lazio, che dal 2003 non riesce a batterla, la Signora resta il solito animale rapace affamato di vittorie. Anche con il centrocampo ancora da sistemare (dopo l’addio di Pogba e con Pjanic ancora in fase di smaltimento dell’infortunio). In un pomeriggio senza bollicine e contro una squadra messa bene in campo dal suo allenatore riesce comunque a trovare il gol partita con Khedira (ancora lui) e a non subire gol, cosa importantissima dopo un precampionato non impeccabile dal punto di vista difensivo.
POCA INCISIVITÀ — Allegri rimette in panchina mister 90 milioni Higuain: dei nuovi in campo dall’inizio ci sono solo Dani Alves e Benatia (al posto di Bonucci, non convocato per motivi personali), Barzagli fa il centrale di difesa, in regia c’è Lemina e in panchina ci sono ben 145 milioni spesi sul mercato (oltre al Pipita e Pjanic, anche Pjaca). Nel primo tempo l’unico sussulto lo regala il cooling break, ovvero la pausa acqua per il troppo caldo (due minuti di stop: è stata la prima volta in Italia), i ritmi sono blandi (logico, vista la temperatura), la Juve è bellina da vedere ma tira pochissimo in porta, nonostante Allegri abbia scelto una versione molto offensiva, con Dani e Alex Sandro sulle fasce.
LAZIO COMPATTA E TONICA — I bianconeri attaccano sempre con almeno cinque uomini, Khedira e Asamoah s’inseriscono a turno e cercano di infilare la difesa della Lazio, per la prima volta a tre (con Bastos al debutto, il migliore dei biancocelesti), ma poco ci riescono. Lemina distrugge ma non crea e Dybala e in pratica il regista lo fa Dybala. La Lazio corre, la mette sul fisico e segue il diktat di Inzaghi junior: coprire e poi ripartire. Marchetti si sporca i guanti solo su un colpo di testa di Dybala (cross di Sandro) e su un tiro di Asamoah. Manca creatività a centrocampo e tutta la squadra ne risente, anche perché Mandzukic è fuori dal gioco. La Lazio ha un’occasione buona con Immobile (cross di Anderson) che però viene anticipato dall’ottimo Benatia.
PIPITA? NO KHEDIRA — A inizio ripresa Mandzukic si ritrova sul piede la palla buona per il vantaggio, ma se la fa respingere da Marchetti (con i pugni); l’azione prosegue con un tiro di Dybala di poco a lato. È il segnale che serve il Pipita. Detto fatto: Higuain entra e la Juve passa in vantaggio: no, non è lui a bucare Marchetti ma Khedira (due gol in due partite), che s’imbuca a meraviglia su un pallone telecomandato da Dybala (nell’occasione male De Vrij e Biglia, quest’ultimo non brillantissimo). Nel finale c’è spazio anche per il primo tiro in porta della Lazio (targato Parolo e per il debutto in A di Pjaca (al posto di Dybala): pochi minuti per prendersi gli applausi dei tifosi bianconeri: dribbling e tiro respinto. la Juve chiude con 113 milioni in campo su 145 e soprattutto con sei punti in due partite. E mancano ancora due pedine da inserire negli ultimi giorni di mercato…

La Gazzetta dello Sport