Lazio-Genoa 2-0, riecco Felipe Anderson. I rossoblù finiscono in 9

felipe-anderson

ROMA – La Lazio ritrova la vittoria e soprattutto Felipe Anderson. Dopo otto sconfitte di fila con il Genoa, ci pensano il brasiliano e Djordjevic a sfatare il tabù. Finisce 2-0 all’Olimpico, un risultato che risolleva l’ambiente biancoceleste in subbuglio dopo le cinque sberle del San Paolo. E infonde ottimismo per il futuro, con il ritorno dell’uomo simbolo della scorsa grandiosa stagione. Ora i punti in classifica sono 9, uno in più della Roma.

LA PARTITA – Sono i fischi ad accogliere i biancocelesti in un Olimpico quasi deserto per la dura contestazione dei tifosi, arrabbiati in egual misura con squadra, allenatore e società. Pioli, senza pedine importanti come Candreva, Klose, Biglia, De Vrij, Matri scommette su Felipe Anderson. Prima partita da titolare in campionato per lui nella tre quarti con Milinkovic-Savic e Kishna, come in Europa League, e Djordjevic davanti. Gasperini risponde puntando sull’ex, Pandev, insieme a Perotti e Ntcham. La prima grande occasione è dei rossoblù: Rincon lascia partire un diagonale che colpisce in pieno il palo. Lampi da una parte e dall’altra con Felipe che prova a riprendersi la Lazio e un Genoa attivo, con Rincon migliore in campo. Ma è la squadra di Pioli a passare in vantaggio al 35′: splendido cross di Lulic per Djordjevic che a pochi metri dalla porta beffa Lamanna e firma il primo gol di questa stagione. Il finire del primo tempo è tutto rossoblù: prima la conclusione in fuorigioco di Pandev, poi Rincon fermato al limite dell’area di rigore da Cataldi già ammonito: la squadra di Gasperini chiede il rigore ma Rizzoli decide per una punizione che Tachtsidis manda di poco fuori.

SECONDO TEMPO – Genoa subito in dieci nella ripresa. Al 56′, Cissokho atterra Felipe Anderson e si prende il secondo giallo. Ora è dura per i ragazzi di Gasperini, che al 63′ subiscono la seconda rete. E’ Felipe Anderson a disegnare la sua serata perfetta con un destro a giro da fuori area imprendibile per Lamanna. L’abbraccio con mister Pioli vale più di mille parole e fa dimenticare mille polemiche. Amaro il ritorno a Roma di Pandev: al 40′ gomitata a Mauricio, rosso diretto e Genoa in 9. Per la squadra di Gasperini il finale è segnato: dopo la Juve, una nuova sconfitta all’Olimpico. Per la Lazio i fischi iniziali diventano applausi. Si può ripartire da qui.

CORRIEREDELLOSPORT.IT