Lazio e Juve, che intrigo

Davide Astori

Lazio e Juve nemici amici. Dal litigio sui proventi della Supercoppa a una pace all’apparenza incomprensibile, dalla recente rottura provocata dall’attacco di Andrea Agnelli contro Carlo Tavecchio – presidente in pectore della Figc sponsorizzato da Claudio Lotito – alla nuova tregua scoppiata ieri in Lega, tra i due club ci sono tanti interessi in comune, tra cui Antonio Candreva e Davide Astori.

La riunione dei club di serie A, come spiegato a fianco, è stata la giusta occasione per abbassare i toni, aprire il dialogo per una posizione condivisa sul rinnovamento della Figc e parlare di mercato. La Juve, assorbita in fretta la doppia batosta Conte-Iturbe, vuole risollevare l’umore dei tifosi, precipitato nelle ultime ore. Per questo – dopo l’accelerazione per Morata – i dirigenti bianconeri sono tornati all’attacco per Candreva, già richiesto da Conte e apprezzato anche da Allegri. L’offerta della Juve è importante: 23 milioni di euro alla Lazio e 2,5 milioni l’anno al calciatore per 5 stagioni. Per ora, però, Lotito non intende muoversi dalla richiesta iniziale: 35 milioni per il romano, acquistato dall’Udinese per una cifra di poco superiore agli 11 milioni. E allora i bianconeri stanno già studiando una proposta alternativa, con l’inserimento di uno o due giocatori nella trattativa (Ogbonna e Giovinco potrebbero interessare alla Lazio) e un’offerta importante per far lievitare la valutazione di Candreva sopra i 30 milioni.

Ma non è tutto, perché nelle ultime ore Lazio e Juve hanno scoperto di avere un altro interesse in comune: Davide Astori. Da settimane ormai Lotito corteggia il difensore del Cagliari, ma la fumata bianca continua a slittare. Ottenuto il sì del giocatore per un contratto di 4 anni a 1,3 milioni a stagione, il presidente biancoceleste non riesce a convincere il collega Giulini, fermo nella volontà di non cedere Astori alla Lazio. Il numero uno del Cagliari ha evitato anche l’atteso confronto in Lega, dove Lotito ha trovato il ds Marroccu e rilanciato l’offerta fino a 7 milioni, trovando un deciso rifiuto.

Sullo sfondo, per espressa richiesta di Allegri, è spuntata la Juventus, destinazione gradita al calciatore. Nell’ambito dei buoni rapporti ritrovati con la Lazio, del resto, Agnelli potrebbe fare un passo indietro e lasciare strada libera per il difensore, sperando magari nel buon esito dell’affare Candreva. Nei prossimi giorni Lotito e Agnelli potranno riparlarne a margine dell’incontro fissato per le questioni federali, mentre il ds biancoceleste Igli Tare resta vigile sulle altre piste per la difesa, da Mendes a Rajkovic e Paletta fino al sogno De Vrij. Per il quale, se il Cagliari dovesse restare irremovibile, la prossima settimana potrebbe partire l’assalto decisivo.

IL TEMPO