Lazio, c’è il sì di Marchetti. E il Real piomba su Biglia

Lazio Atalanta MARCHETTI 2

Fumata bianca per Marchetti, nera per Radu. Il duplice incontro tra i vertici societari della Lazio e gli agenti dei due giocatori, andato in scena nella notte tra venerdì e sabato, ha prodotto esiti completamente diversi. Per il rinnovo del portiere è quasi fatta, anche se sarà necessario almeno un altro vertice prima di mettere le firme. Per il difensore, invece, nessun passo in avanti, così le possibilità che il giocatore finisca sul mercato sono sempre maggiori.

MARCHETTI — Per il portiere, quindi, è quasi fatta. Il suo contratto, in scadenza 2016, sarà prolungato fino al 2019. Anche l’ingaggio salirà: dagli attuali 1,1 milioni di euro ad una cifra vicina al milione e mezzo. Lo stipendio comprenderà pure alcuni bonus, di qui la necessità di un nuovo vertice tra l’accoppiata Lotito-Tare e l’avvocato Bozzo che cura gli interessi di Marchetti. Sulla permanenza del portiere veneto in biancoceleste, però, ormai non ci sono più dubbi. Marchetti potrà così finalmente debuttare in quella Champions che, cinque anni fa, ai tempi di Cagliari, gli costò un anno sabbatico: «punizione» di Cellino perché il portiere aveva espresso in un’intervista il desiderio di andare alla Samp per giocare appunto la Champions.
RADU — Alla Samp, ma per disputare l’Europa League, può invece andare nelle prossime settimane Stefan Radu. Il club di Ferrero lo cerca e il suo rinnovo con la Lazio è in stand by. L’incontro tra il duo Lotito-Tare e il procuratore del romeno Pietro Chiodi si è risolto in un nulla di fatto. C’è una proposta di prolungamento da parte della società che non soddisfa il giocatore. Radu a questo punto potrebbe vedere di buon occhio una nuova avventura professionale dopo otto stagioni in biancoceleste. Arrivò a Roma nel gennaio del 2008, la Lazio era appena stata eliminata dalla Champions. Ora che, dopo otto anni, i biancocelesti ci tornano, Radu rischia di salutare la compagnia, quasi ci fosse una specie di sortilegio tra lui e la Champions. Lotito lo valuta 6-7 milioni, la Samp spera di spuntare un prezzo più basso, ma la trattativa può comunque andare in porto.
BIGLIA — Un altro giocatore che può partire, ma che la Lazio farà di tutto per trattenere, è Lucas Biglia. L’interesse del Real Madrid si sarebbe tradotto in un’offerta concreta fatta pervenire nei giorni scorsi a Formello: 22 milioni. Una cifra importante che tuttavia Lotito non prenderà in considerazione, perché per cedere l’argentino vuole almeno 30 milioni. Una somma alla quale si potrebbe arrivare se sul play si scatenerà un’asta, visto che lo seguono pure Paris Saint Germain e Manchester United. La Lazio intanto si cautela con l’olandese Clasie, che peraltro il club biancoceleste proverà a prendere a prescindere dalla partenza di Biglia. Operazione che si può chiudere con una cifra inferiore ai 10 milioni, anche se sul giocatore del Feyenoord è piombato pure il Southampton. Dall’Olanda dovrebbe arrivare pure il sostituto di Radu: è il ventunenne esterno del Psv Willems. Alla Lazio costerà circa 7 milioni. Intanto, in uscita, dopo Novaretti (ceduto al Leon) è vicino ai saluti pure Cavanda. Lo hanno chiesto sia il Nizza sia il Besiktas. Il club francese era in vantaggio, ma nelle ultime ore è stato scavalcato dai turchi. La chiusura pare vicina. Al Besiktas la Lazio ha offerto pure Konko e Pereirinha, ma su questi due giocatori l’interesse del club di Istanbul è rimasto freddo.

La Gazzetta dello Sport