Lazio adesso non fermarti

PIOLI_LAZ

Un’occasione da non fallire. Dopo la sosta per le nazionali riparte il campionato e deve ripartire anche la corsa della super Lazio di Stefano Pioli, reduce da sei vittorie consecutive. Alle 15 i biancocelesti fanno visita al Cagliari dell’ex Zdenek Zeman in un match che vale più dei tre punti a disposizione. Il programma della 29ª giornata, infatti, prevede due sfide ad alta tensione, Fiorentina- Samp e Roma-Napoli, le quattro rivali della Lazio nella corsa per l’Europa e in particolare per la Champions. Ecco perché una vittoria in Sardegna permetterebbe ai biancocelesti di guadagnare terreno su almeno due dirette concorrenti.

Pioli lo sa bene e, se da una parte continua a mettere sullo stesso piano serie A e Coppa Italia (mercoledì la Lazio farà visita al Napoli per la semifinale di ritorno), dall’altra esclude il turnover e pretende massima concentrazione per la sfida al Cagliari. «Dobbiamo pensare solo alla gara del Sant’Elia – ha rimarcato il tecnico biancoceleste – C’è grande entusiasmo e per noi deve essere un vantaggio, però la classifica è corta e bisogna restare concentrati. Per Pasqua non voglio sorprese, mi basta continuare sulla strada intrapresa nell’ultimo periodo».

Il ruolino della Lazio nell’ultimo mese e mezzo è impressionante: 14 gol segnati nelle sei vittorie consecutive e una sola rete incassata, 11 punti recuperati sulla Roma e la scalata in classifica fino al terzo posto. La sosta e i lunghi trasferimenti sostenuti da diversi giocatori importanti – Biglia e Felipe Anderson in particolare – lasciano qualche incognita per la ripresa anche se Pioli è tranquillo: «Chi è stato in nazionale è tornato in buona salute – ha rivelato il tecnico – Anche per questo non vedo ragione di fare turnover. Se Mauri e Klose possono sostenere tre partite in nove giorni? Sì, lo hanno già fatto in passato».

Dunque oggi la Lazio dovrebbe ripartire dall’offensivo 4-2-3-1 già ammirato contro Verona, Fiorentina e Roma: sulla sinistra Braafheid sostituirà l’infortunato Radu (problema al ginocchio) mentre in attacco, con Felipe e Candreva, ci saranno Mauri e molto probabilmente Klose, anche se Keita scalpita. «Siamo in tanti davanti ma lo spagnolo ha le sue possibilità – ha sottolineato Pioli – A Cagliari dobbiamo giocare con intensità, tecnica e sacrificio. Loro sono in lotta per la salvezza e saranno motivati, quindi bisogna restare concentrati e non pensare al risultato della Roma. Per Pjanic la Lazio non esiste? Non commento, penso solo a chiudere al meglio la stagione». Sognando il sorpasso sui cugini.

IL TEMPO