L’appello della Presidente Boldrini ai candidati sindaci sulla “rivoluzione di genere nella toponomastica”

Laura Boldrini

«È giunto il tempo di dare alle donne quello che è delle donne. I candidati sindaci tengano a mente anche il bisogno di rivedere la toponomastica delle città, che oggi vede solo il 4% delle strade intitolate a donne, peraltro quasi sempre sante. Eppure l’Italia ha prodotto tante altre donne meritevoli di essere ricordate in tanti ambiti». È l’appello della presidente della Camera Laura Boldrini, che oggi ha ricevuto i sindaci di Catania e di Formia, Enzo Bianco e Sandro Bartolomeo, promotori nei rispettivi comuni della intitolazione di strade a personaggi femminili. Boldrini ha manifestato apprezzamento ai primi cittadini di Catania e Formia, auspicando che «questi gesti di buona politica siano un esempio per altri sindaci». Enzo Bianco ha ricordato che lo scorso 2 giugno è stata intitolata a Catania una pista ciclabile alle donne che ebbero un ruolo nella guerra di liberazione dal nazifascismo, assicurando anche in sede ANCI un impegno per aumentare la rappresentanza femminile delle donne nella toponomastica delle città, anche per dare «un segnale forte contro »i troppi insopportabili ed inaccettabili casi di femminicidio che scuotono le coscienze soprattutto degli uomini. In attesa di una legge efficace in materia, i sindaci lancino delle iniziative di formazione e di riflessione nelle scuole«, ha detto il sindaco di Catania. E il sindaco di Formia Sandro Bartolomeo ha sottolineato che nel suo comune »puntiamo a riequilibrare la presenza femminile almeno al 50% nelle intitolazioni delle strade, in modo da dar vita ad un esempio virale».

Il Messaggero