La Svizzera: freno ai lavoratori italiani

18/11/2013 Roma, un caffè con... Paolo Gentiloni

Il nome della campagna non lasciava spazio a dubbi: «#primaInostri». E al referendum per alzare una barriera contro i frontalieri stranieri, in particolare quelli italiani, i ticinesi hanno votato compatti: con il 58% dei sì, la proposta della destra nazionalista ha incassato la benedizione popolare. Vero, l’affluenza s’è fermata sotto il 45%, ma il segnale che arriva dal cantone è chiarissimo: quando ci sarà da assegnare un posto di lavoro, i residenti dovranno avere la precedenza sugli altri. Si chiama «preferenza indigena», e la maggioranza ha scelto di ancorarla nella Costituzione del Canton Ticino. «Ce l’aspettavamo, anzi è già tanto che la percentuale non sia stata più alta», commenta amaro Eros Sebastiani, presidente dell’Associazione Frontalieri Ticino.

Le conseguenze non saranno immediate: prima di diventare effettiva, la modifica costituzionale dovrà essere avallata dall’Assemblea federale di Berna, che valuta la conformità al diritto nazionale. E prendendo atto della vittoria dell’iniziativa, il Consiglio di Stato ticinese – l’esecutivo cantonale che aveva proposto un controprogetto bocciato nelle urne – ha ricordato i problemi di applicazione. Ma è il messaggio politico è inequivocabile: «La libera circolazione va limitata, solo in questo modo si potranno combattere fenomeni deleteri quali la sostituzione di lavoratori ticinesi con frontalieri e il dumping salariale», esulta la Lega dei Ticinesi, che ha fatto campagna elettorale con l’Unione Democratica di Centro. «Seppur votato, l’esito del referendum sarà di difficile applicazione e non cambierà l’orientamento del mercato del lavoro cantonale», taglia corto Sergio Aureli del sindacato svizzero Unia.

L’Italia, in ogni caso, è pronta a rispondere con fermezza. «Da domani, la Regione Lombardia predisporrà le adeguate contromisure per difendere i diritti dei nostri concittadini lavoratori», promette il governatore Roberto Maroni mentre in un tweet il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni avverte: «Il referendum anti-frontalieri non ha per ora effetti pratici. Ma senza la libera circolazione delle persone i rapporti Svizzera-Ue sono a rischio». E l’europarlamentare Lara Comi (Fi) annuncia di aver scritto alla commissaria Ue Marianne Thyssem per chiedere di «poter avviare urgentemente la sospensione di tutti gli accordi ad oggi in essere tra Svizzera ed Europa».

La Stampa