La Roma si riprende il secondo posto, 2-1 all’Udinese in rimonta all’Olimpico

ROMA  CESENA

La Roma cade, soffre, si rialza, vince e si riprende il secondo posto. I giallorossi battono 2-1 l’Udinese all’Olimpico, ma al termine di una serata da brividi.
Ha vinto con il cuore piu’ che con la testa la squadra di Garcia, ma anche con quel pizzico di fortuna che non guasta mai e che puo’ fare la differenza. Dopo lo 0-1 di Perica e l’1-1 di Nainggolan, ci sono la traversa di Guilherme e soprattutto l’errore di Widmer a indirizzare la partita verso la sponda giallorossa del Tevere, con buona pace dei cugini biancocelesti che speravano in un’altra notte al secondo posto. La Roma comunque la vittoria l’ha voluta e alla fine anche legittimata con il palo di Nainggolan all’81mo e la traversa di Holebas all’85mo. Si comincia con Garcia che deve rinunciare a Florenzi e Gervinho.In difesa Yanga-Mbiwa viene preferito ad Astori, a centrocampo De Rossi in regia con Pjanic e Nainggolan interni.
Out Gervinho, in attacco torna titolare capitan Totti con Iturbe e Ibarbo esterni.Stramaccioni (romano, romanista ed ex tecnico delle giovanili giallorosse), nel suo ritorno a “casa”, schiera l’Udinese con il 4-3-1-2, in difesa la coppia Danilo-Heurtaux, Widmer e l’ex Piris esterni. In mezzo Allan, Pinzi e Badu, Guilherme trequartista, in attacco, out Di Natale, la coppia Thereau-Perica.

Cagliari retrocede in serie B dopo 11 anni, Genoa ‘vede’ l’Europa

Discreto inizio per la Roma, Ibarbo sembra in serata e mette in difficolta’ Piris, i friulani ci mettono un po’ a prendere le misure ma non corrono rischi. Al 19mo svarione incredibile di Manolas che consegna la palla a Thereau, il francese punta l’area, De Sanctis gli chiude la porta, ma nulla puo’ sul tap-in di Perica che mette dentro. Udinese in vantaggio, Roma stordita con Totti che cerca di tirare su i compagni. E’ proprio il capitano con un gran destro su punizione a impegnare Karnezis. Poi ci prova anche Yanga-Mbiwa, ma il gioco della Roma non e’ fluido e al 35* Perica fallisce clamorosamente il 2-0, mandando a lato di testa, da pochi metro, il cross di Widmer. L’Olimpico comincia a rumoreggiare, arriva anche qualche fischio, ma e’ buono il finale dei giallorossi con Ibarbo che va due volte vicino al gol: nella seconda occasione gran giocata del colombiano, bravo Karnezis a salvarsi. Al 44mo Allan spreca un clamoroso contropiede e un minuto dopo la Roma pareggia. Splendida combinazione Pjanic-Totti, il capitano mette in mezzo e Nainggolan, tutto solo, mette dentro la palla dell’1-1. Prima dell’intervallo c’e’ ancora spazio per la clamorosa traversa di Guilherme su punizione. Nella ripresa ancora ritmi alti e gara aperta. L’Udinese non ha problemi di classifica, se la gioca a viso aperto, accetta il confronto e spaventa una Roma che per cercare la vittoria si sbilancia e rischia grosso. Al 10mo De Sactis salva su Thereau, al 18mo Allan spreca un altro clamoroso contropiede, ma due minuti dopo la Roma passa dalla grande paura al 2-1. Il marcatore e’ Torosidis, ma gli errori di Heurtaux e soprattutto Widmer sono imbarazzanti e il greco riesce a mettere dentro. Rimonta completata e poi buona gestione del risultato con due legni, di Nainggolan (tacco con deviazione di Karnezis) e Holebas, belli per costruzione dell’azione e conclusioni. Finisce 2-1, la Roma porta a casa i tre punti, effettua il contro-sorpasso ai danni della Lazio e potra’ giocarsi il derby con due risultati su tre a suo favore.
Udinese ko, ma dopo un’ottima gara.