La Juventus torna in vetta

ALLEGRI_CHAMPIONS

La Juventus strapazza il Cagliari, rifila il poker ai sardi e si riprende la vetta della Serie A, a 12 punti con il Napoli alle spalle. Il 4-0 bianconero allo Stadium porta le firme del giovane Rugani, del solito Higuain, di Dani Alves al primo gol e un autogol di Ceppitelli (azione di Lemina) a chiudere la partita nel finale.

La Juventus mastica amaro dopo la debacle contro l’Inter, arrivata dopo il deludente pareggio all’esordio in Champions. Il tecnico Allegri però non fa drammi, ma ai campioni d’Italia chiede la scossa per tornare in vetta alla classifica. Inserisce Hernanes, titolare in regia, e dà fiducia a Rugani per concedere un turno di riposo a Bonucci. La scelta del giovane centrale lo ripagherà in appena quattordici minuti, dopo un vero e proprio assedio alla porta del Cagliari. Lo schema su punizione di Pjanic, Storari dice no a Higuain, il difensore chiude il tap-in del vantaggio juventino. Il Pipita è una furia, mette lo zampino sul primo gol, colleziona cinque occasioni da rete. La porta sembra stregata per l’argentino, colpisce pure il palo, poi al 34′ si toglie la soddisfazione di firmare il raddoppio. Stavolta, l’ex Storari dice no a Pjanic, Higuain lo beffa sulla respinta. Da qui in poi, la Juventus è decisa a dilagare, ci riesce nuovamente da calcio piazzato: schema su corner, Dani Alves si libera e col destro firma il 3-0. L’esterno brasiliano festeggia il primo gol in bianconero e in Serie A.

Allarme per Buffon, il portiere ha accusato un fastidio muscolare durante un rinvio a fine primo tempo. Dopo l’intervallo è rimasto in panchina, con Neto a difendere la porta. Anche nella ripresa, è solo la Juventus a fare la partita, risulta pericolosa con ogni suo uomo: Dybala tra tutti. Eppure per l’argentino la maledizione del gol sembra non essere svanita, l’attaccante non ha ancora segnato in questa stagione. Nel primo tempo fatica a mettersi in mostra, nel secondo colleziona un paio di occasioni senza successo.

Al 72′ Allegri decide di sostituirlo con Pjaca, la Joya non sorride più. I bianconeri mettono il punto esclamativo sulla partita con il gol del poker, il sigillo all’84’ è di Lemina, in realtà un’autorete di Ceppitelli. Sabato i bianconeri saranno di scena a Palermo, per confermare la vetta.

IL TEMPO