La Juve va all’attacco: prima Morata poi Iturbe

Morata

Juve all’attacco, in tutti i sensi. All’attacco del mercato per cercare di consegnare un bomber di spessore ad Antonio Conte per l’inizio del ritiro in programma tra una settimana. Si corre contro il tempo, dunque. Beppe Bozzo, il procuratore di Alvaro Morata per l’Italia, è atteso a Madrid per cercare di sbloccare definitivamente la situazione e portare il giovane bomber a Torino. Un appuntamento ritenuto di fondamentale importanza. Non solo: in settimana ci saranno nuovi incontri con il Verona per l’argentino Iturbe. Le due parti non sono lontanissime. I veneti chiedono trenta milioni mentre Marotta ha proposto venti più Quagliarella che, comunque, continua ad interessare al Toro. La valutazione dello scugnizzo di Castellamare di Stabia si aggira sui 4 milioni. Insomma, ci sono i margini per trovare l’intesa. Sia Morata sia Iturbe hanno fatto sapere ai propri club che vogliono solo la Juve: questo è un aspetto tutt’altro che secondario. Morata o Iturbe per l’inizio del ritiro. Con uno di questi e Tevez e Llorente a disposizione il tecnico potrebbe lavorare intensamente sul reparto offensivo. Continuanoi contatti con il Manchester Unite per Evra: il francese, uno dei migliori della sua Francia ai mondiali, nonostante la carta d’identità ingiallita fa ancora la differenza. Il club bianconero gli propone un biennale, il suo contratto con il club dell’Old Trafford scade tra un anno. Insomma, si può fare.

TUTTOSPORT