La Juve si ritrova per l’operazione Lazio

ALLEGRI_JUVE

Aspettando Vidal (di rientro dal Cile), la Juventus apre ufficialmente l’operazione Lazio, avversaria domenica sera all’Olimpico romano. Dopo il primo blocco azzurro (Buffon, Chiellini, Marchisio) e i vari Lichtsteiner e Coman, in giornata sono attesi a Vinovo gli altri bianconeri impegnati in Europa con le nazionali: da Giovinco e Bonucci, fino a Morata, Pogba, Tevez e Pereyra. Allegri alzerà l’asticella, ma soprattutto valuterà la condizione dei rientranti.

ALLARME DIFESA
– A preoccupare è soprattutto il reparto arretrato, visto che ai forfait del lungodegente Barzagli e a quello di Marrone, si è aggiunta la tegola di Caceres (ricaduta alla coscia, invece di rientrare starà fuori per altre tre settimane) e il problemino subito da Ogbonna in Nazionale (edema al bicipite femorale della coscia sinistra) che mette in dubbio l’ex granata per la trasferta romana. Contrattempi che rafforzano la conferma della difesa a quattro (Padoin o Asamoah a sinistra; Bonucci-Chiellini al centro, Lichtsteiner a destra) lanciata prima della sosta con ottimi risultati (Olympiacos e Parma). In mezzo al campo molto dipenderà da Pirlo (reduce da infortunio): Allegri nei prossimi due allenamenti deciderà se schierarlo a Roma o rimandare il rientro in Champions contro il Malmoe (martedì in Svezia). Nel primo caso spazio alle mediana stile Olympiacos (Pogba-Pirlo-Marchisio), con Vidal (o Pereyra) nel ruolo di trequartista dietro a due punte. Altrimenti Marchisio in regia con ai suoi fianchi Pogba e probabilmente Vidal (in caso di maggiore turnover si candida Romulo) e formula col doppio trequartista (Tevez-Pereyra) alle spalle di Llorente.

TUTTOSPORT